Zanzotto critica la Lega «Le scuole? Bisogna inaugurarle in inglese»

Posted on in Politica e lingue 23 vedi

Il poeta: «Ci si deve aprire al mondo, non chiudersi in se stessi». Ha festeggiato gli 88 anni. «Il dialetto veneto è spontaneità»

Andrea Zanzotto, considerato il massimo poeta italiano vivente (archivio)

Andrea Zanzotto, considerato il massimo poeta italiano vivente (archivio)

PIEVE DI SOLIGO (Treviso) – Ottantotto anni di poesia. Ma con uno sguardo sempre pungente ver­so l’attualità. Nel giorno del suo compleanno, al risveglio dal riposino pomeridiano le prime paro­le di Andrea Zanzotto sono state per il fatto di gior­nata, la scuola di Conegliano inaugurata in dialetto dal presidente della Provincia di Tre­viso Leonardo Muraro. E il commen­to del poeta di Pieve di Soligo gron­dava sconcerto, ma anche slancio. «Cosa si sono sognati di inaugurare una scuola in dialetto? In inglese si doveva inaugurarla, aprirsi verso il mondo non chiudersi in se stessi».

Perché?

«Perché il dialetto servirà molto, sì, quando ci saranno gli ultimi a non parlare in inglese».

Crede che i leghisti coglieranno la sua ironia?

«No».

Ma proprio lei parla così, con tutta la sua pro­duzione lirica in vernacolo?

«Già, un quarto della mia opera è in dialetto. El bel le che mi normalmente parle sol che dialetto… Ma non capisco perché alcuni politici devono uscir­sene con certe fantasie bislacche sul dialetto. Quel­lo di ritirarsi nella propria identità, che può essere anche dialettale, è una cosa che è sempre avvenu­ta. Il problema sono le esagerazioni prive di fonda­mento storico. Quando scrivo in dialetto, non ci faccio caso, è come se scrivessi in italiano perché ho un bilinguismo perfetto. Invece quando ho sen­tito parlare del ‘tanko’ dei Serenissimi, mi sono ve­nuti i brividi. Altro che carcere: andavano puniti mettendoli obbligatoriamente a studiare la filolo­gia neolatina. Quanto poi alla ricorrente proposta di inserire il veneto fra le materie scolastiche, mi limito a far notare che i dialetti non si insegnano, ma si imparano».

Non crede così di attirarsi nuove ire dal Car­roccio, dopo quelle per averlo definito «peste» al programma «L’infedele»?

«Tremo (mima un tremolio e sorride, ndr). Guardi, io non ho neanche sentito quella mia inter­vista. Mi ero messo a guardare la trasmissione, ma a un certo momento è prevalsa la legge della ba­dante… per cui sono andato a dormire. In ogni ca­so credo abbiano preso dei singoli pezzettini e che per questo il mio pensiero sia uscito troppo sinte­tizzato. Forse avrei potuto usare un’altra espressio­ne, forse ho esagerato e avevano ragione certi che mi hanno criticato. Ma sicuramente nella versione originale ho detto ‘peste se supera un certo livel­lo’, non ‘peste’ e basta».

E allora, se dovesse dire adesso cosa pensa del­la Lega?

«Non ne parlerei comunque bene, perché quel partito manca di fondamenti teoretici. I leghisti non sanno nemmeno che cosa sia il dialetto. Io so­no offeso veramente da quello che ha fatto la Lega in questo settore. La sua pretesa di dire il dialetto è questo, o il dialetto è quest’altro, è senza base».

Martedì prossimo uscirà per Mondadori la sua nuova raccolta di poesie: cosa sono quei «Conglomerati»?

«Delle stratificazioni non solo in senso paesaggi­stico, ma anche a livello mentale. Qualche cosa di fragile che è diventato duro. In questo libro il dialet­to salta fuori quando vuole, come nella quarta di copertina (dov’è riprodotto un suo originale in cor­sivo, ndr). Ed è così che dev’essere, perché il dialet­to non è imposizione, ma spontaneità».

Angela Pederiva

12 ottobre 2009

http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/politica/2009/12-ottobre-2009/zanzotto-critica-lega-le-scuole-bisogna-inaugurarle-inglese-1601867602675.shtml[addsig]




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.