Premio Wise per l’istruzione.

Posted on in Politica e lingue 8 vedi

 

WISE PRIZE PER L’ISTRUZIONE
Ann, che ha portato a scuola quattro milioni di ragazze africane
Il Wise Prize for Education ad Ann Cotton, fondatrice dell’associazione Camfed attiva dal 1991 nelle zone dove l’istruzione femminile è una sfida e un rischio
di Stefano Blanco, Corsera 4.11. 2014

Ann Cotton ha visto premiare i suoi ultimi venti anni spesi tra le ragazze delle zone più povere del continente africano con quello che viene considerato il nobel per l’educazione. Lo scorso anno il premio era andato a Vicky Colbert, la prima volta per una donna. Quest’anno il Wise Prize for Education dal valore di 500.000 dollari e soprattutto dal valore simbolico importante per chi si occupa di questi temi ha voluto premiare la fondatrice di Camfed, organizzazione che negli ultimi decenni ha portato a scuola più di quattro milioni di studentesse di vari Paesi africani. Il premio viene consegnato a Doha nell’ambito di Wise (World Summit for Education) che da diversi anni ha l’indiscussa capacità di portare in Qatar quasi duemila delegati da oltre 200 Paesi a discutere del futuro dell’educazione in un ottica multidisciplinare; quest’anno con un focus particolare sulla creatività, declinata come modo nuovo di guardare ai processi educativi.
Il metodo: credere in se stesse
Ann Cotton ha accolto il premio con la sua usuale ritrosia coniugata ad uno stile tutto british. Effettivamente se non la si conoscesse, a prima vista la potreste immaginare in un campo da cricket nel Kent per suo stile classicamente inglese. Ma da quando, dopo gli inizi nelle periferie di Londra dove ha cominciato a sperimentare nuovi modi di insegnare a studentesse con rischio di esclusione scolastica, è arrivata in Africa nel 1991 la strada compiuta è stata immensa. Inimmaginabile anche per lei, ha confessato candidamente. Il suo obiettivo di riportare nelle scuole le ragazze di Zimbabwe, Zambia, Ghana, Tanzania e Malawi si è sviluppato attraverso un metodo educativo innovativo che guarda alla globalità della persona. Insiste sul coinvolgimento di ogni ragazza nel proprio percorso di crescita, fondando il suo successo sulla capacità di far prendere coscienza delle proprie capacità e dei propri limiti in ogni ambito della vita. Immagina che una ragazza istruita possa diventare agente vero di cambiamento dentro la sua comunità e cresciuta sia un valore inestimabile per la comunità.
Il segreto di un metodo replicabile
L’idea iniziale è stata proprio di andare ad agire nelle zone rurali nell’africa sub sahariana dove spesso le famiglie non possono far studiare tutti i figli e le ragazze non sono quasi mai scelte per questa strada. Ann Cotton ha vinto la sfida di coinvolgere proprio queste ragazze e dare loro una possibilità. Ma il passo più interessante per il sistema è che il tutto si realizza attraverso un sistema replicabile, cosa che non è così usuale per le tante eccezionali esperienze che costellano il continente africano. Replicabilità che è stata riconosciuta anche dall’Ocse qualche anno fa come un valore chiave di questa esperienza. Un premio che ci racconta ancora un volta, se ce ne fosse bisogno, quanto anche per il sistema italiano sia necessario ripensare profondamente il modo con cui nel ventunesimo secolo ci ostiniamo a fare scuola.

 

 

 




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.