Westerwelle al giornalista della Bbc «Siamo in Germania, parli tedesco»

Posted on in Politica e lingue 4 vedi

Il leader del partito liberale

Westerwelle al giornalista della Bbc «Siamo in Germania, parli tedesco»
Il reporter inglese chiede come potrebbe cambiare la politica estera: lo soccorre la traduttrice simultanea

BERLINO – Nessuna eccezione per la britannica Bbc: nella prima conferenza stampa dopo la vittoria elettorale di domenica scorsa, il capo della Fdp Guido Westerwelle – considerato il prossimo capo della diplomazia tedesca – si rifiuta di rispondere ad una domanda in inglese, non la vuole neppure ascoltare. «Siamo in Germania, la prego di parlare in tedesco», esorta Westerwelle.

LA DOMANDA – A dire il vero il reporter inglese voleva soltanto sapere come cambierà la politica estera tedesca con Westerwelle possibile ministro degli Esteri. Una domanda che il giornalista gli pone in inglese durante la conferenza stampa della Fdp – pregandolo di una risposta, in via eccezionale, anche nella sua madre lingua. Ma il trionfatore delle elezioni politiche – dopo qualche secondo d'imbarazzo – ammonisce: «La prego, con tutta la comprensione possibile. Così com'è ovvio che in Gran Bretagna si parla in inglese, così qui in Germania si parla in tedesco». Insomma, nessuna domanda in inglese, tantomeno una risposta in questa lingua. Il giornalista della Bbc però non demorde e stavolta – con l'aiuto di una traduttrice simultanea – riesce a fare l'agognata domanda.

– Westerwelle, 48 anni, non nasconde l'ambizione di diventare ministro degli Esteri, posto occupato da prestigiosi predecessori liberali. A differenza di molti suoi colleghi politici a Berlino però, il suo inglese sembra zoppicare un po', annota lo Spiegel. È già diventato una hit, infatti, un video postato qualche tempo fa su YouTube che documenta la parlata inglese non troppo perfetta di Westerwelle. Sulla vicenda scherza il britannico Independent: «Il tutto è un assaggio del nuovo orgoglio teutonico negli affari internazionali».

Elmar Burchia
30 settembre 2009, Il Corriere.it

[addsig]



0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.