Urge un nome per l’acquario (in italiano!).

Posted on in Politica e lingue 29 vedi

A GIUGNO ALL’EUR TRENTA VASCHE, CENTO SPECIE

L’Acquario «Sea Life» e la lingua affondata

di Maurizio Caprara

Costerà 80 milioni di euro, avrà 30 vasche e un milione di litri d’acqua. Tra gli obiettivi che Gianni Alemanno gli assegna c’è quello di aumentare le presenze turistiche a Roma per «scavalcare Londra e Parigi». Allora non si capisce una cosa: perché il nuovo acquario della capitale d’Italia dovrà chiamarsi Sea life Roma Aquarium ? Non va bene Mare nostrum perché dei 5.000 esemplari esibiti, di 100 specie acquatiche, parte verrà da fuori il Mediterraneo? Dunque perché non chiamarlo Mare in terra o Mare e basta? Se si aggiungesse una stella alpina alle marine, perfino Mare e Monti in onore del presidente del Consiglio potrebbe essere meno peggio. Denoterebbe un filo di piaggeria, già, ma meno subordinazione di quanta ne affiora da una scelta improntata a viltà linguistica. Sea life (vita marina) è una catena. Nel mondo, di acquari ne ha tanti. Per identificare quello tenuto ad attrarre turisti a Roma la nostra lingua non offre di meglio? Le troppe licenze rilasciate a fast food , pub e wine bar sconsigliano di intimare al Comune: «Parla come magni ». Però sul nome chi ha idee migliori scriva a http://roma.corriere.it. Le sosterremo.
(Dal Corriere della Sera, 20/1/2012).




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.