UN POPOLO CHE RINUNCIA ALLA SUA LINGUA PERDE ANCHE L’ANIMA

Posted on in Politica e lingue 7 vedi

UN POPOLO CHE RINUNCIA ALLA SUA LINGUA PERDE ANCHE L'ANIMA

Un populu
mittitulu a catina
spugghiatulu
attuppatici a vucca
è ancora libiru.
Livatici u travagghiu
u passaportu
a tavula unni mancia
u lettu unni dormi,
è ancora riccu.
Un populu,
diventa poviru e servu,
quannu ci arrubbanu a lingua
addutata di patri:
è persu pi sempri.
Diventa poviru e servu,
quannu i paroli non figghianu paroli
e si manciunu tra d'iddi.
Minn'addugnu ora,
mentri accordu a chitarra du dialettu
ca perdi na corda lu jornu.
Mentri arripezzu
a tila camulata
chi tesseru i nostri avi
cu lana di pecuri siciliani.
Un popolo
mettetelo alla catena
spogliatelo
tappategli la bocca,
è ancora libero.
Levategli il lavoro
il passaporto
la tavola dove mangia
il letto dove dorme,
è ancora ricco.
Un popolo,
diventa povero e servo,
quando gli rubano la lingua
data in dote dai padri:
è perso per sempre.
Diventa povero e servo,
quando le parole non figliano parole
e si mangiano tra di loro.
Me ne dolgo ora
mentre accordo la chitarra del dialetto
che perde una corda al giorno.
Mentre rattoppo
la tela tarlata
che hanno tessuto i nostri avi
con lana di pecore siciliane.

Ignazio Buttitta, da “Lingua e dialettu”

[addsig]



0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.