Treccani, le mafie ci hanno rubato anche le parole.

Posted on in Politica e lingue 35 vedi

Treccani, le mafie ci hanno rubato anche le parole ‘Stravolto senso termini virtuosi come onore e famiglia’.

Le mafie? Ci hanno rubato anche le parole. E’ il senso della mostra organizzata a Lamezia Terme dall’Istituto dell’enciclopedia italiana Treccani nell’ambito di “Trame”, il Festival di libri sulle mafie che si conclude domani dopo cinque giorni di dibattiti, mostre ed iniziative.
La mostra, allestita con totem esposti in vari siti, rivela i danni anche inconsci provocati dalla mafia. Su ciascun totem, infatti, campeggiano alcuni vocaboli perlopiù positivi cui le mafie, col tempo, hanno attribuito un’accezione negativa. Per esempio: il significato del termine “onore”, che Treccani, letteralmente, identifica come un valore positivo che ha a che fare con la dignità personale e la considerazione altrui, é stato trasformato negativamente in termini come “uomo d’onore”, e cioè l’affiliato alla camorra, alla mafia o ad altre associazioni a delinquere, cui è legato da un giuramento che lo impegna a difesa dell’onore comune e all’osservanza della stretta omertà.
Stesso destino per il termine “famiglia”, intesa non più solo la “comunità umana, diversamente caratterizzata nelle varie situazioni storiche e geografiche ma in genere formata da persone legate fra loro da un rapporto di parentela, di affinità, e che costituisce l’elemento fondamentale di ogni società”. Nell’accezione mafiosa la famiglia di trasformata in “associazione costituita in genere da componenti, parenti e amici di una stessa famiglia, che rappresenta il raggruppamento immediatamente inferiore alle cosca”.
Ma le parole che la mafia ha rubato alla nostra lingua sono tante e nobili, come “amico”, “avvertimento”, “clan”, “cupola”, “mazzetta”, “padrino”, “picciotto”, “piovra”, “rispetto”. Un danno indiretto, sicuramente meno drammatico rispetto ad omicidi e stragi, ma che provoca un cambiamento culturale in tutti quelli che usano la nostra lingua. Un uso che, come ha ricordato Giuseppe Patota, professore di Storia della lingua italiana all’Università di Siena-Arezzo ed “Accademico della Crusca”, “la mafia ha fatto selezionando parole funzionali all’immagine che voleva dare di sé. Ha scelto termini come ‘amico’ e ‘famiglia’ perché le facevano comodo non potendo certo parlar male di se stessa. Il danno culturale che ne viene all’Italia è enorme”…
(Da ansa.it, 24/6/2017).

{donate}




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.