Trasferta salentina dell’ERA all’insegna del “No English Tax/Jes Libereca Lingvo”

Posted on in L'ERA comunica 22 vedi

Da sinistra: Petarra, Pagano e De Matteis

Trasferta salentina dell’ERA all’insegna del “No English Tax/Jes Libereca Lingvo”

Subito accolto dal Segretario dell’ERA l’invito di Giuseppe De Matteis, militante di lungo corso dell’ERA, a recarsi nel Salento per iniziare una opera di sensibilizzazione del Sud Italia contro l’iniqua tassa linguistica inglese dei 900 Euro l’anno procapite imposta dal Nord Europa e a favore, invece, dell’Esperanto lingua della libertà che, in quanto lingua comune della razza umana, rilanci il processo federalista europeo e avvii un processo di libertà linguistica mondiale prima che il genocidio linguistico italiano orchestrato dai venduti nel MIUR si compia.

Partiti proprio dalla città residenza dell’antico militante salentino Torre S. Susanna, e dal vicino paese di Erchie, i due incontri politici di questa settimana di fine luglio sono stati con l’Assessore alla cultura Marcello Petarra e il Sindaco di Erchie Giuseppe Margheriti.

Massima apertura, garantita da Petarra, per la principale manifestazione culturale di Torre S. Susanna che si svolgerà tra maggio e giugno 2015 e la cui programmazione inizia già a settembre, e ampia disponibilità del Sindaco Margheriti ad interessare le scuole e il liceo linguistico della piccola cittadina devota a Santa Lucia e gemellata con Siracusa, in diversificati Piani di Offerta Formativa per la libertà linguistica nazionale ed internazionale ma, con il Sindaco, si è cominciato anche a ragionare di un Appello dei Comuni d’Italia e del Sud in particolare, rivolto al Capo dello Stato che, in quanto garante della Costituzione italiana, esprima in modo chiaro ed inequivocabile la Sua contrarietà ad operazioni come quella del Politecnico di Milano che vuole vietare l’insegnamento e l’apprendimento in italiano nelle università dello Stato.

Una breve intervista a Telerama e trasmessa nel notiziario della tv salentina ha chiuso la settimana grazie alla competenza giornalistica di Tommaso Prima.

 

 




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.