Traduzione sbagliata

Posted on in Politica e lingue 32 vedi

Il caso

Il nucleare iraniano minaccia “relativa”. Ma è un errore degli interpreti

Napolitano tradotto in modo errato

La Casa Bianca costretta a scusarsi

Gli interpeti americani sbagliano a tradurre a tradurre un passaggio sull’Iran del discorso del presidente Napolitano e la Casa Bianca ammette l’errore e si scusa. Nella trascrizione apparsa sul sito web della Casa Bianca – del colloquio congiunto di Napolitano e del presidente Usa Gorge Bush, veniva infatti attribuita al capo di Stato italiano la frase “the relative threat” (“la minaccia relativa”) dell’armamento nucleare iraniano. In realtà Napolitano, che si era espresso in inglese, aveva invece parlato della “very serious threat” (di “minaccia molto grave”) iraniana. La traduzione sbagliata aveva creato qualche imbarazzo durante la conferenza finale di Napoletano a New York, ma poi sono arrivate le scuse della Casa Bianca.

(Da La Repubblica, 15/12/2007).

[addsig]




3 Commenti

Daniela Giglioli
Daniela Giglioli

Il caso<br /><br />
<br /><br />
Il nucleare iraniano minaccia “relativa”. Ma è un errore degli interpreti<br /><br />
<br /><br />
Napolitano tradotto in modo errato<br /><br />
La Casa Bianca costretta a scusarsi<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
Gli interpeti americani sbagliano a tradurre a tradurre un passaggio sull’Iran del discorso del presidente Napolitano e la Casa Bianca ammette l’errore e si scusa. Nella trascrizione apparsa sul sito web della Casa Bianca – del colloquio congiunto di Napolitano e del presidente Usa Gorge Bush, veniva infatti attribuita al capo di Stato italiano la frase “the relative threat” (“la minaccia relativa”) dell’armamento nucleare iraniano. In realtà Napolitano, che si era espresso in inglese, aveva invece parlato della “very serious threat” (di “minaccia molto grave”) iraniana. La traduzione sbagliata aveva creato qualche imbarazzo durante la conferenza finale di Napoletano a New York, ma poi sono arrivate le scuse della Casa Bianca.<br /><br />
(Da La Repubblica, 15/12/2007).<br /><br />
[addsig]

alonsopatonzo
alonsopatonzo

Il caso<br /><br />
<br /><br />
Il nucleare iraniano minaccia “relativa”. Ma è un errore degli interpreti<br /><br />
<br /><br />
Napolitano tradotto in modo errato<br /><br />
La Casa Bianca costretta a scusarsi<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
Gli interpeti americani sbagliano a tradurre a tradurre un passaggio sull’Iran del discorso del presidente Napolitano e la Casa Bianca ammette l’errore e si scusa. Nella trascrizione apparsa sul sito web della Casa Bianca – del colloquio congiunto di Napolitano e del presidente Usa Gorge Bush, veniva infatti attribuita al capo di Stato italiano la frase “the relative threat” (“la minaccia relativa”) dell’armamento nucleare iraniano. In realtà Napolitano, che si era espresso in inglese, aveva invece parlato della “very serious threat” (di “minaccia molto grave”) iraniana. La traduzione sbagliata aveva creato qualche imbarazzo durante la conferenza finale di Napoletano a New York, ma poi sono arrivate le scuse della Casa Bianca.<br /><br />
(Da La Repubblica, 15/12/2007).<br /><br />
[addsig]

Daniela Giglioli
Daniela Giglioli

Il caso<br /><br />
<br /><br />
Il nucleare iraniano minaccia “relativa”. Ma è un errore degli interpreti<br /><br />
<br /><br />
Napolitano tradotto in modo errato<br /><br />
La Casa Bianca costretta a scusarsi<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
Gli interpeti americani sbagliano a tradurre a tradurre un passaggio sull’Iran del discorso del presidente Napolitano e la Casa Bianca ammette l’errore e si scusa. Nella trascrizione apparsa sul sito web della Casa Bianca – del colloquio congiunto di Napolitano e del presidente Usa Gorge Bush, veniva infatti attribuita al capo di Stato italiano la frase “the relative threat” (“la minaccia relativa”) dell’armamento nucleare iraniano. In realtà Napolitano, che si era espresso in inglese, aveva invece parlato della “very serious threat” (di “minaccia molto grave”) iraniana. La traduzione sbagliata aveva creato qualche imbarazzo durante la conferenza finale di Napoletano a New York, ma poi sono arrivate le scuse della Casa Bianca.<br /><br />
(Da La Repubblica, 15/12/2007).<br /><br />
[addsig]

You need or account to post comment.