Tornano le canzoni italiane nel cinema dei nuovi registi.

Posted on in Politica e lingue 7 vedi

Incanti.

di Ranieri Polese.

Canzoni cinematografiche.

Tornano le canzoni italiane nel cinema dei nuovi registi, un po’ come ai bei tempi di Risi, Monicelli, Comencini. Dopo “Un’emozione da poco” e “Non sono una signora” ascoltate in “Lo chiamavano Jeeg Robot” di Gabriele Mainetti, ora tocca a “Maledetta Primavera” usata da Claudio Giovannesi nel film “Fiore”. Paolo Virzì, invece, predilige gli anni Sessanta: “La prima cosa bella” e ora (per “La pazza gioia”) Gino Paoli e “Senza fine”.
(Da La Lettura (Corriere della Sera), 5/6/2016).

{donate}

 

 

 

 




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.