SVIZZERA: DILEMMA A SCUOLA, TROPPE LINGUE…

Posted on in Politica e lingue 1 vedi

SVIZZERA: DILEMMA A SCUOLA, TROPPE LINGUE…

PARLIAMO INGLESE (DI GIANCARLO MOTTA)

(ANSA) – GINEVRA, 17 SET – IMMAGINATE UNA NAZIONE NEL CUORE DELL’EUROPA, IN PIENA CRISI DI IDENTITA’ E POPOLATA DA SEI MILIONI DI PERSONE CHE PARLANO BEN QUATTRO LINGUE DIFFERENTI.

E’ UNA SVIZZERA SEMPRE PIU’ TORMENTATA DA MALESSERI SOTTERRANEI E DA DILEMMI ISOLAZIONISTI: AL PUNTO CHE ORA, CON GRANDE SCANDALO DEI PIU’ CONSERVATORI, SI STA ADOTTANDO UNA SERIE DI RIFORME DELL’INSEGNAMENTO SCOLASTICO CHE DANNO LUCE VERDE ALL’INGLESE QUALE LINGUA DEL FUTURO, NON SOLTANTO PER IL CONTATTI ESTERNI MA INDIRETTAMENTE ANCHE PER QUELLI TRA COMPATRIOTI.

PROPRIO IN CONSEGUENZA DELLA SCOMODA PECULIARITA’ MULTILINGUISTICA DEL PAESE, GIA’ OGGI UNA RAGAZZA DI LUCERNA CHE SI RECA IN DISCOTECA A LOSANNA SI LANCIA PIU’ VOLENTIERI NELLA LINGUA DI SHAKESPEARE CON I RAGAZZI CHE INCONTRA PIUTTOSTO CHE CIMENTARSI NEL SUO INCERTO FRANCESE O, PEGGIO, PRETENDERE CHE SIANO GLI AMICI AD ESIBIRSI NELL’INTRICATO IDIOMA DI GOETHE. LA STESSA COSA VALE SPESSO PER L’IMPRENDITORE DI ZURIGO, GINEVRA E LUGANO, ACCOMUNATI DAL PASSAPPORTO ROSSOCROCIATO MA SEPARATI DA UNA MURAGLIA LINGUISTICA. LA MAGGIORANZA DI GIOVANI DI LINGUA TEDESCA, FRANCESE E ITALIANA LA QUARTA LINGUA E’ IL ROMANCIO, MA E’ MENO DIFFUSA PREFERISCE ORMAI ESPRIMERSI IN UN SOMMARIO INGLESE, IDIOMA DELLE CANZONI E DEI COMPUTER NEL QUALE SI SENTONO PIU’ SICURI, QUANDO SI TRATTA DI ENTRARE IN CONTATTO CON RAGAZZI SVIZZERI DI UN’ALTRA LINGUA.

MA ORA LA TENDENZA – COME RISULTA DA ALCUNI RAPPORTI DI ESPERTI GIA’ PRESENTATI AL GOVERNO E DA UNA SERIE DI ESPERIMENTI IN ATTO – E’ FINALMENTE DI DARE LA PRECEDENZA ALL’INSEGNAMENTO DELL’INGLESE A SCUOLA: INGLESE PER TUTTI, E GIA’ DALLA SECONDA ELEMENTARE. SARA’ QUINDI UN ENORME SOLLIEVO PER GLI SVIZZERI DELLE PROSSIME GENERAZIONI POTER CIRCOLARE DA UN CANTONE ALL’ALTRO ED ESSERE IN GRADO DI PARLARE CON TUTTI SENZA PROBLEMI: NON COME AVVIENE ORA, CHE BASTA SPOSTARSI DI POCHI CHILOMETRI PER TROVARSI IMPELAGATI IN UN IDIOMA ESTRANEO ED INSIDIOSO.

TUTTAVIA, PER NON CAPITOLARE TOTALMENTE DINANZI ALLA LINGUA INGLESE LE AUTORITA’ ELVETICHE HANNO AVUTO L’IDEA DI FONDARE IL FUTURO INSEGNAMENTO DEGLI IDIOMI NELLE SCUOLE SUL PRINCIPIO DEL ‘TRILINGUISMO’: TANTO INGLESE E SUBITO, MA ANCHE RAFFORZAMENTO DELL’INSEGNAMENTO DI UNA TERZA LINGUA, QUESTA VOLTA NAZIONALE.

E IN QUESTO SETTORE SI E’ AVUTO L’IDEA PIU’ RIVOLUZIONARIA: INTRODURRE L’INSEGNAMENTO DI ALCUNE MATERIE IN UNA LINGUA DIVERSA DA QUELLA LOCALE. COSI’ SI POTRA’ AVERE L’ALLIEVO DI LINGUA TEDESCA CHE A ZURIGO IMPARA LA MATEMATICA IN FRANCESE E LE ALTRE MATERIE IN TEDESCO, O VICEVERSA A GINEVRA.

”E’ PROVATO CHE CON QUESTO SISTEMA LE MATERIE INSEGNATE IN LINGUA DIVERSA VENGONO APPRESE UGUALMENTE BENE, E CHE INTANTO L’ALLIEVO IMPARA MOLTO MEGLIO LA LINGUA STRANIERA”, SPIEGA GEORGES LUEDI, AUTORE DI UN RAPPORTO AL GOVERNO. (ANSA).

17-SET-98




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.