Sorpresa: molti francesi appoggiano il rigore di Hollande

Posted on in Europa e oltre 29 vedi

Per Francois Hollande è l’ora delle prove dure. La crescita è debole, i disoccupati superano i 3 milioni e il paese finora ha creduto di potere evitare il rigore di bilancio (il deficit supera i limiti europei), il ridimensionamento del welfare, il contenimento dell`enorme impiego pubblico. La risposta del «presidente normale» è una manovra da quasi 37 miliardi di euro: 12 miliardi e mezzo da tagli e 20 miliardi da nuove tasse (metà per i cittadini e metà per le imprese). Obiettivo: abbassare il deficit di 1 punto e mezzo entro il 2014. «Quando lascerò non ci sarà un euro di debito in più» promette Hollande. La Francia è divisa: secondo un sondaggio pubblicato da Le Parisien, il 54 per cento degli elettori di Hollande e il 75 di quelli dell`ex presidente Nicolas Sarzkozy approvano la disciplina fiscale ispirata da Berlino. La sinistra più dura, invece, scende in piazza. Dopo le manifestazioni del 30 settembre sono attesi i sindacati, l’8 ottobre.

IL PARERE DI MAURICE FRASER

Secondo il quotidiano economico «Les Echos», Hollande è davanti a una scelta: «Può aspettare, pregare e stare a vedere se per caso arriverà un vento da Berlino, dalla Cina o dagli Stati Uniti, in grado di riportare la crescita economica. O può, a sorpresa, dare uno scossone, anche nel proprio campo, senza vessare il settore privato più di quello pubblico. Il fatto è che non si sente neanche una brezza di crescita e sono trent`anni che si va avanti a fare riforme a millimetri o, nei casi migliori, a centimetri». Per il britannico The Guardian, quella del presidente francese è «una scommessa: rimettere le finanze in ordine senza imporre i tagli dolorosi imposti alla Spagna o le dure riforme sociali attraverso cui è passata la Germania anni fa. Con due anni senza elezioni davanti, il suo governo ha pensato che fosse più saggio prendere queste decisioni ora».

(da Panorama, 4-10-2012)




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.