Servizio passaporto

Posted on in Politica e lingue 27 vedi

Viaggiare con Pasporta Servo

Decine di migliaia di esperantofoni visitano ogni anno i molti incontri

internazionali organizzati nel mondo ma molti di più viaggiano

privatamente.

L’edizione del 2004 dell’annuario del Pasporta Servo contiene gli

indirizzi di 1227 punti di accoglienza in 79 paesi con persone

di ogni età bel liete di offrire il pernottamento, ed anche altro,

gratuitamente nelle loro case ai viaggiatori di passaggio.

Nella scheda di adesione come ospitanti c’è scritto: ‘La tuta

mondo en via hejmo’ (tutto il mondo a casa tua): anche chi

ospita conosce il mondo, senza muoversi da casa.

Il Pasporta Servo (in italiano: “Servizio Passaporto”) è un’iniziativa

assolutamente unica nell’Organizzazione Mondiale Giovanile Esperantista

(TEJO) per viaggiare all’estero risparmiando, e avendo inoltre la

possibilità di contattare direttamente la cultura locale, vivendola

dalla casa di una normale famiglia e non da un albergo.

Va da se che la stessa esperienza si ripete poi visitando

amici conosciuti per corrispondenza o durante gli incontri

internazionali.

Se si effettuasse una ricerca gli esperantisti risulterebbero

certamente tra i più giramondo in assoluto, sia perché si sentono

dovunque a casa propria, non costretti a balbettare una lingua non

propria, sia perché stimolati dall’esistenza di tanti punti di

appoggio attraverso il Pasporta Servo.

Vi sono inoltre, vale la pena citarlo, delle Esperanto-domoj,

come la Kulturdomo de Esperanto di Grésillon (Francia), un magnifico

castello in un bel parco, o la Kultura Centro Esperantista di

La Chaux-de-Fonds (Svizzera) in cui si svolgono tutto l’anno vari

incontri culturali e vi si può alloggiare con una modesta spesa.

Il servizio risulta sviluppato soprattutto in Europa ma anche in

Brasile, Stati Uniti, Giappone ed altri paesi extraeuropei.

Viaggiare con l’esperanto significa scoprire il gusto romantico

dell’andare per il mondo, del Wandern per secoli fonte di conoscenza

e di maturità. Significa staccarsi di netto dall’odioso turismo di

consumo, a caccia di immagini stereotipe da catturare, ma avere

contatti umani che ti fanno sentire uomo tra uomini, e non straniero

tra stranieri, ed arricchiscono il tuo mondo di sentimenti che

porterai a lungo con te.

Per maggiori info:

http://www.tejo.org/ps

http://www.pasportaservo.org

(Da Nova Sento in rete n. 432).

[addsig]




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.