Sergio Romano risponde a Giorgio Pagano

Posted on in Politica e lingue 21 vedi

Risponde Sergio Romano
FUNZIONE MONDIALE DELL’INGLESE TROPPO UTILE PER COMBATTERLA

Sulla questione del Regno Unito e la Ue («Europa e Gran Bretagna: sì al mercato, no all’euro»),
aggiungo una critica circa l’ambigua posizione britannica. Mi riferisco al fatto che dal’indotto
monopolistico – assicurato scioccamente finora dall’Europa – alla lingua inglese, ‘`UK trae risorse
economiche miliardarie, sia in risparmio, sia in guadagno. Come insegnano gli economisti Grin e Lukacs, il risparmio britannico sul non insegnamento d’alcuna lingua straniera è di 18
miliardi di euro/anno, mentre il guadagno derivato dall’apprendimento dell’inglese nell’Unione
Europea, in alcuni Paesi come l’Italia addirittura forzoso, arriva a 350 miliardi di euro/anno. Una
tassa linguistica di 900 euro/anno per ciascun euro-cittadino. Non crede che l’Unione farebbe bene a
studiare a fondo, così come ha fatto per l’euro, l’entrata in vigore dell’esperanto come lingua federale?
Giorgio Pagano
Segretario Associazione Radicale Esperanto

Caro Pagano,
Non credo che l’insegnamento delle lingue straniere sia totalmente trascurato in Gran Bretagna e
non sono in grado di verificare l’attendibilità delle cifre citate nella sua lettera. Ma lei
ha il merito di ricordare che il dominio dell’inglese nella comunicazione internazionale
è andato progressivamente crescendo soprattutto nella fase più rapida della globalizzazione,
dagli anni Ottanta in poi. Per attirare studenti stranieri le università offrono corsi in inglese. Per essere comprese dai mercati le aziende scrivono i loro bilanci in inglese.
Per vendere i loro prodotti, assumere nuovo personale e lanciare messaggi pubblicitari, parlano inglese. Per comunicare al mondo il risultato delle loro ricerche, gli scienziati scrivono i loro articoli
in inglese. Persino le segreterie e i centralini telefonici rispondono in inglese e chiedono di lasciare messaggi «alter the bip». L’inglese è la lingua della rete, della diplomazia, della guerra, delle
transazioni finanziarie e dell’innovazione tecnologica.
Non vi è dubbio: questo stato di cose regala ai popoli di lingua inglese un incomparabile
vantaggio e a tutti gli altri un considerevole svantaggio. Esiste una precisa strategia
linguistica delle nazioni di lingua inglese e, in particolare, della Gran Bretagna?
Questi Paesi hanno assecondato il fenomeno e hanno intascato ogni possibile beneficio,
ma la diffusione dell’inglese è in larga parte un fenomeno spontaneo provocato
dal alcuni fattori. E la lingua del Commonwealth britannico.
E la lingua dei vincitori della Seconda guerra mondiale.
E la lingua del maggiore laboratorio mondiale di innovazioni scientifiche e tecnologiche
(gli Stati Uniti) e quindi la maggiore fornitrice di neologismi alla comunicazione internazionale. Ha una struttura grammaticale e sintattica piuttosto semplice, ma è anche una grande lingua
letteraria.
Sono queste le ragioni per cui l’adozione di un’altra lingua mondiale è un progetto irrealizzabile. Con le loro leggi e i loro decreti gli Stati moderni hanno avuto il merito di unificare i costumi linguistici
dei loro territori. Ma niente può durevolmente accadere in questo campo se l’adozione di una lingua comune non è accompagnata dalla coscienza collettiva dell’utilità di un tale passaggio.
La politica più utile in questa prospettiva è quella del trilinguismo: la propria lingua, l’inglese e un’altra lingua scelta sulla base delle particolari esigenze di ogni cittadino europeo. E questo l’obiettivo
verso il quale conviene puntare.
(Dal Corriere della Sera, 28/10/2012).




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.