Secondo una ricerca recente, gli inglesi hanno invaso nove paesi su dieci.

Posted on in Europa e oltre 28 vedi

Secondo una ricerca recente, gli inglesi hanno invaso nove paesi su dieci.
Jasper Copping. The Telegraph, 8 nov. 2013.

Tutti i ragazzi sanno che al culmine della sua potenza quasi un quarto dell’atlante aveva il colore rosa dell’impero britanico. Ma questa è una forte sottovalutazione; uno studio recente ha rivelato che in tempi diversi gli inglesi hanno invaso quasi il 90 per cento dei paesi del globo: su quasi 200 paesi, solo 22 non hanno mai avuto a che fare militarmente con gli inglesi. Lo studio compare nel libro di Stuart Laycock: All the Countries We’ve Ever Invaded: And the Few We Never Got Round To (Tutti i paesi che abbiamo invaso e i pochi a cui non ci siamo avvicinati), The History Press, 2012. Attualmente solo una piccola parte dei paesi una volta invasi fa parte dell’impero britannico; gli altri sono stati inclusi nella lista perché hanno avuto una presenza militare inglese, ancorché temporanea, nel proprio territorio. Sono inclusi anche quelli che hanno subito incursioni di pirati, corsari o esploratori armati, in quanto questi hanno agito con l’approvazione del governo britannico.

Anche i territori che hanno formato l’impero spagnolo sono stati in vari casi aggrediti da marinai inglesi appoggiati dal loro governo. Tra questi, sorprendentemente, Cuba, occupata in parte nel 1741, o le Filippine, poi scambiate con la Florida e Minorca. L’Islanda fu invasa nel 1940, perché si era rifiutata di unirsi alle forze alleate antinaziste; il Vietnam ha avuto ripetute invasioni inglesi nel 17° secolo e nel biennio 1945-46 ha subito varie incursioni aeree contro le forze comuniste, cosa che poi è rimasta in ombra dati gli eventi ben più gravi che hanno coinvolto francesi e americani.

È la prima volta che viene compiuto uno studio di questo tipo; l’autore stesso è rimasto stupito dei risultati della ricerca; anche altri paesi potrebbero avere una lista del genere, ma molto più corta e l’unico che vi si può avvicinare è la Francia.

La ricerca copre i 192 stati membri dell’ONU, oltre il Vaticano e il Kossovo, che non fanno parte del’ONU ma che sono riconosciuti dall’Inghilterra come stati indipendenti. L’autore aggiunge che lo studio non ha lo scopo di emettere un giudizio morale, ma solo di fornire risultati che fanno parte della storia britannica.

I paesi mai invasi sono: Andorra, Bielorussia, Bolivia, Burundi, Repubblica centro-africana, Ciad, Congo, Guatemala, Costa d’Avorio, Kirghizistan, Liechtenstein, Lussemburgo, Mali, Isole Marshall, Monaco, Mongolia, Paraguay, San Tomé e Principe, Svezia, Tagikistan, Uzbekistan e Città del Vaticano.

Traduzione e riduzione di Carlo Minnaja

Qui l’articolo del Telegraph 




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.