SE MERKEL (IN SILENZIO) DISFA LA TELA DI DRAGHI

Posted on in Europa e oltre 17 vedi

Se Merkel (in silenzio) disfa la tela di Draghi

di FEDERICO FUBINI

Nell`interminabile tango dei salvataggi europei, il grammofono sembra di nuovo sul punto di guastarsi. Gradualmente i protagonisti tornano a muoversi fuori tempo uno sull`altro. Non sono solo le ennesime voci (smentite) su un appello imminente di Madrid al fondo europeo Esm e alla Bce. C`è una corrente più profonda. Ieri il governo tedesco ha fatto sapere che troverebbe «non convincente» la richiesta di aiuto di un Paese che non sia già in asfissia finanziaria. Questa è un`opinione influente, perché la Corte di giustizia tedesca di fatto ha consegnato al Bundestag un diritto di veto sull`intero sistema europeo dei salvataggi: da sempre sostenitori dell`indipendenza della banca centrale, i politici tedeschi di fatto sono riusciti a conquistare il posto di blocco che apre o chiude la strada perché la Bce intervenga. E l`impressione diffusa a Madrid e a Parigi è che per ora a Berlino si terrà quella sbarra abbassata. E la novità dell`autunno. In estate, Angela Merkel ha assecondato Mario Draghi quando il presidente della Bce ha proposto interventi «illimitati» per i Paesi in difficoltà. Ora la cancelliera ha iniziato a esercitare il suo attrito indiretto e silenzioso: non fa chiarezza sulle condizioni che la Germania potrebbe chiedere ai Paesi in crisi, così paralizzandone le scelte; e mira a rinviare a dopo le elezioni tedesche (tra un anno) qualunque progresso sull`unione bancaria nell`area euro. Così Merkel disfa il lavoro di Draghi, senza lasciare impronte.

(dal Corriere della Sera, 3-10-2012)




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.