Scuola: imparare l’inglese in inglese

Posted on in Politica e lingue 16 vedi

Non c’è verso: se si vuole davvero imparare una lingua, bisogna immergersi dentro di essa. Tanto più con l’inglese, sempre più utile, anzi sempre più necessaria. E allora tanto meglio che è proprio la scuola a favorire questo concetto, così come accaduto al plesso Fasani dell’istituto comprensivo Manzoni che ha promosso un vero e proprio spettacolo teatrale, tutto "in lingua" e riservato agli alunni dai 6 ai 10 anni.
“Theatrino” è il nome dell’iniziativa di teaching theatre che ha portato nei locali della scuola primaria di Via Pasubio tre attori inglesi che hanno messo in scena per i bambini le fiabe di “Three Little Pigs” (I tre porcellini) e “The Wizard of Oz ” (Il mago di Oz), con grande entusiasmo dei piccoli spettatori e grande soddisfazione dei promotori dell’esperimento.

“Il nostro obiettivo era quello di stimolare la passione e la motivazione all’apprendimento della lingua inglese – ha spiegato a Luceraweb Adele Tetta coordinatrice del progetto – mediante un approccio in forma ludica e partecipativa, e il mondo delle favole è perfetto per questo scopo”.

E così i tre attori madrelingua (praticamente a digiuno di italiano) sono arrivati “armati” di scenografie, strumenti e tutto quanto permettesse la cosiddetta drammatizzazione a scopo didattico, attuata attraverso il linguaggio verbale, mimico-gestuale e anche sonoro-musicale.

“Gli spettacoli hanno posto l’enfasi sugli speaking e listening skills previsti per la scuola primaria – ha aggiunto l’insegnante – e hanno creato nei partecipanti la fiducia nelle loro capacità di comprensione della lingua inglese parlata. Agli spettacoli hanno poi fatto seguito dei momenti laboratoriali e ricreativi che hanno messo i ragazzi a diretto contatto con gli speakers e hanno permesso loro di aumentare l’interesse per lo studio dell’inglese e ampliare il loro orizzonte culturale”. (Luceraweb)

http://www.luceraweb.eu/Giornale.asp?ID=17891




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.