Salva la virgola di Oxford

Posted on in Politica e lingue 19 vedi

Oxford cancella la virgola Poi ci ripensa

Puristi e Twitter salvano la “virgola di Oxford: l’ateneo britannico, che nei giorni scorsi aveva condannato a morte il segno di interpunzione apposto prima della congiunzione “e” al termine di una lista di nomi, ha fatto marcia indietro e ordinato un rinvio. Una insurrezione sul sito di microblogging ha costretto l’Università a riconsiderare una recente “guida di stile” che invitava i dipendenti a abbandonare l’uso caratteristico della virgola adottato da circa un secolo nei testi della Oxford University Presse e imitato di rimbalzo da tutti gli inglesi che si piccano di scrivere come si deve. La “Oxford Comma” è usata prima di “and” o “or” in una lista di tre o più nomi o aggettivi: per esempio: “buono, brutto, e cattivo”, ma soprattutto per evitare ambiguità come nel caso: “Ho preso caffè, uova e bacon, e cereali a colazione”. Oxford University Press aveva istituito l’uso della virgola per migliorare la chiarezza di testi scritti. I detrattori sostengono invece che appesantisce la frase e dà un tono pedante al discorso.
E’ stato un anonimo blogger su Twitter Rantyeditors, la settimana scorsa, a denunciare il misfatto dell’abolizione. Si è scatenato un finimondo: un altro blogger su Twitter con britannico senso dell’umorismo ha criticato l’università: “La decisione di Oxford di cancellare la sua virgola eponima è miope, disfattista, e molto deludente”. La Oup, che pubblica il leggendario Oxford English Dictionary, ha prontamente preso le distanze dall’editto dell’ateneo proclamando una “organizzazione editorialmente autonoma” e autorizzando l’uso della virgola. Alla fine lo stesso ufficio dell’università da cui era partito il diktat ha fatto parziale marcia indietro: un comitato deciderà entro la fine dell’anno sul da farsi.
(Da La Nazione, 4/7/2011).




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.