Renzi in inglese: pensa che l’Italia faccia una bella figura?

Posted on in Politica e lingue 36 vedi

Renzi in inglese: pensa che l’Italia faccia una bella figura?

Caro Beppe, lei quando sente il nostro Primo Ministro parlare questa strana lingua pensa che l’Italia faccia una bella figura? Ho visto il video del discorso che Matteo Renzi ha tenuto in Etiopia a metà luglio, in inglese (?): mamma mia! Come si fa a prendere sul serio un politico così? Non si potrebbe approvare una legge che vieta la carriera politica d’alto livello a chi non parla bene almeno una lingua straniera? Gradirei un suo commento. Grazie.
Paolo Vincenzi , paolovincenzi33@hotmail.com

Ho ascoltato parte di quel discorso, non avevo bisogno di conferme: nelle occasioni ufficiali, il nostro PM farebbe meglio a parlare italiano. Nel caso di Addis Abeba si trattava, evidentemente, di un testo scritto da altri (fino a poche ore prima MR era a Bruxelles “impegnato a salvare l’Europa” – parole sue). Leggere l’inglese è complicato. Sbagliando gli accenti, si rende difficile la comprensione. Renzi, per esempio, ha visto scritto “delay” (ritardo) e ha detto, per due volte, “dìlei”. Si pronuncia, invece, “ di-lèi”. Non solo: essendo fiorentino, tende a pronunciare correttamente ogni vocale. Ma l’inglese è una lingua “stress-timed”: la velocità di pronuncia non si basa sul numero di sillabe in una parola, ma sul numero di accenti con i quali chi parla sceglie di scandirla. Prendiamo la parola “maintenance” (“manutenzione”, un problema italiano non da poco). Si pronuncia “méin-tenèns” – due accenti, non cinque. Detto ciò, l’inglese di Matteo Renzi non è malvagio. Non somiglia a quello di Enrico Letta o Giuliano Amato, certo; ma neppure a quello (inesistente) di Berlusconi. L’uomo capisce e si fa capire: e questo, nei rapporti tra capi di governo, è fondamentale. Dovrebbe forse essere più umile, quando si tratta di occasioni ufficiali. Ma la modestia non fa parte del suo bagaglio, mi sembra di poter dire.
(Da italians.corriere.it, 23/8/2015).

{donate}

 

 




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.