Quei totem per i turisti solo in italiano‏

Posted on in Politica e lingue 7 vedi

Sono stati presentati a maggio come strumenti utili ai cittadini di Parma, ma anche ai turisti.
Sono spuntati come funghi in tutto il centro storico e Oltretorrente; 22 ne sono previsti, 15 ne sono stati installati: gli altri sorgeranno nei prossimi mesi. Sono rossi, ben visibili; sono totem informativi interattivi, dotati di tecnologia touchscreen, che permettono di ottenere informazioni in tempo reale sulla città. Eppure, nonostante l’annunciata destinazione turistica, sono stati programmati esclusivamente in lingua italiana, lasciando spiazzati i visitatori stranieri, che toccano lo schermo alla ricerca della funzione per cambiare la lingua; qualche minuto, poi desistono: non c'è.
Lo strumento quindi rimane valido per i parmigiani e per i soli turisti italiani. Forse esclusivamente per questi ultimi, considerando che, delle informazioni contenute, i residenti sono già a conoscenza. Nati come concretizzazione del progetto relativo ai Centri Commerciali Naturali, i totem hanno inevitabilmente una inclinazione principalmente commerciale: sono tante le possibilità di pubblicità sulla piattaforma. La sezione «Dove Mangiare», però, è piuttosto scarna: sono indicati solamente sette ristoranti, ventisette bar e, addirittura, una sola pizzeria e due enoteche. Nella sezione «Enogastronomia» sono indicati i percorsi, mentre in «Dove dormire» sono elencati, divisi per categoria, ostelli, bed & breakfast e hotel: informazioni che sarebbero state molto utili per i turisti. Non tutto, però, funziona. Innanzitutto, dei totem installati, qualcuno ha dei problemi: quello in via XXII Luglio, angolo borgo Santa Chiara, talvolta risulta spento. Lo è sempre, ma perché inghiottito dal cantiere, quello in Ghiaia, all’angolo con via Mazzini. Alcune sezioni, poi, non sono aggiornate; per esempio quella denominata «Fiere ed eventi»: una settimana di appuntamenti che, nel totem posto a barriera Garibaldi, è ferma a domenica 7 agosto.
Tanti anche i totem che riportano la scritta «Servizio momentaneamente non disponibile» alle voci «Meteo» (previsioni fino a cinque giorni), «Quotidiani on-line» (per la lettura in tempo reale delle notizie della città); stessa risposta se si tenta di visualizzare le mappe interattive per conoscere il percorso per raggiungere la zona d’interesse selezionata: ad esempio un museo, un monumento. E non sono pochi quelli che presentano tali problemi, riducendo non poco la possibilità di consultazione: barriera Repubblica, barriera Garibaldi, strada Bixio (angolo via Gorizia), via Carducci, via Cavour (piazza Battisti).
Nessun problema, invece, nelle lunghe e aggiornate sezioni «Numeri utili» e «Parcheggi, Bus, Treni». Ma rimane il grande limite della lingua, sicuramente non risolvibile nel breve periodo: «E' un problema di soldi – spiega l’assessore comunale al Turismo, Mario Marini -, perché andrebbero tradotte tutte le pagine. Pur trattandosi di una soluzione meritoria, in questo periodo di crisi una proposta del genere non passerebbe mai». Sugli schermi dei totem, quindi, solo impronte digitali italiane.

Gazzetta di Parma




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.