Promuoviamo l’Internet italiano

Posted on in Politica e lingue 29 vedi

E’ stata avviata la campagna di comunicazione del registro domini gestito dal CNR: agli italiani piace che i domini italiani siano nelle mani di un ente autorevole.

di Elena Re Garbagnati

Il Registro dei domini .it verrà d’ora in poi gestito dal CNR, ossia il Consiglio Nazionale delle Ricerche, che è ritenuto dai più come un organo serio e affidabile al quale è naturale affidare la gestione dei domini di casa nostra. Per questo è stata avviata una campagna di promozione dei domini .it per gli italiani, ma sopratutto per le imprese, che come effetto collaterale si augura anche di contribuire alla diffusione della cultura di Internet nel Belpaese.

Stando ai dati emersi da una recente indagine condotta da TLC, infatti, gli italiani che navigano su Internet e che sfruttano le risorse della Rete globale sono pochi: solo il 47 percento. Il dato più preoccupante, tuttavia, è che fra gli assenti figurano molte aziende: un terzo delle piccole e medie imprese non ha la connessione web, così come il 43% delle microaziende.

Ecco perché è stata programmata una promozione, che verrà curata dalla società Light, che sarà indirizzata in un primo momento a tutti i cittadini italiani, mediante radio e quotidiani, e in seguito sarà invece focalizzata sulle aziende, dalle grandi imprese ai professionisti, che verrà distribuita sia alle emittenti radiofoniche sia alla stampa periodica. Al grande pubblico si cercherà di spiegare come fare un uso consapevole della rete, mentre alle aziende si cercherà di far capire il valore dei domini .it come marchio del “made in italy” ma anche come bene aziendale.

In ultima battuta, le attività di promozione interesseranno anche gli studenti, mediante quiz interattivi online basati sui domini .it ai quali saranno invitati a partecipare 3.000 istituti superiori.

http://www.pcworld.it/notizia_futuro-intel/118996/2009-10-21/Promuoviamo-l-Internet-italiano.html[addsig]




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.