Politecnico, il furbo: è il Tar che bypassa il Politecnico di Milano.

Posted on in Politica e lingue 19 vedi

Il Tar bypassa il Politecnico.

di Patrizia Pertuso.

Milano. Giovanni Azzone è il Rettore del Politecnico di Milano.

Parliamo dei corsi in inglese: voi avevate chiesto che tutti fossero in inglese ma il Tar ha “bloccato” questa decisione…
Esattamente. Noi volevamo che il 100% dei nostri corsi fosse svolto in lingua inglese e che l’offerta formativa fosse deliberata dal Senato accademico.

Invece è arrivato il Tar… Ha stabilito come non legittimo il fatto che l’Ateneo definisse in Senato il passaggio all’inglese e noi ci siamo dovuti adeguare.

Una sorta di intromissione del Tar?
Abbiamo già fatto ricorso al Consiglio di Stato. Il Senato Accademico deve decidere quali siano le modalità dei corsi. Invece così l’organo di governo interno è stato tirato fuori e l’unica cosa che può fare è approvare singolarmente le richieste di corsi in inglese dalle singole facoltà.

Adesso che succederà?
Ci saranno alcuni corsi in inglese, altri in italiano e altri ancora in italiano e inglese.

Immagino che il doppio corso in inglese e in italiano rappresenti un esborso per voi…
Duplicare gli insegnamenti comporta un aumento dei costi.

Che graveranno su chi?
Fortunatamente quei corsi sono sufficientemente numerosi, quindi non ci saranno oneri eccessivi da parte dell’Ateneo. Vedremo cosa accadrà dopo il ricorso.
(Da blog.metronews.it/blog/sipario, 6/5/2014).

 




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.