Pessimismo linguistico

Posted on in Politica e lingue 3 vedi

Salvarsi con Dante

“La volgarità ci travolge, allora leggiamo

di Titti Giuliani Foti

“E’ chiaro che leggo poesie di donne e che rimango maschile. Sono poesie belle e difficili. Le donne di Dante sono tutto meno che banali, raccontate in una lingua insolita…”. Dunque: Gabriele Lavia. E ci sarebbe poco da aggiungere per un grandissimo attore del nostro teatro…

Che si fa contro il livellamento verso il basso?

“Sono stato un mese a Tokyo per una regia delle “Nozze di Figaro” e tornare in Italia è stato uno choc quasi anafilattico. Veramente avvilente: la prima cosa che viene in mente quando si scende dall’aeroporto di Fiumicino è che tutto è sporco. Non so perché. Parlo di cose estremamente banali: a Tokyo è tutto pulito quanto è sporca l’Italia. Quando arrivi e il bagaglio è arrivato prima e un signore te lo porge. A Fiumicino devo dire cosa succede al mio bagaglio?”

Cosa ha notato ancora?

“Che tutti improvvisamente difendono l’orrore. Eppure lo sanno che siamo secondi solo a Bangladesh per livello culturale: la nostra scuola è un disastro, il congiuntivo è sparito. E lei mi chiede perché sono di difficile comprensione le poesie di Dante?”.

E’ un italiano lontano…

“Ma l’italiano non esiste più, non se n’è accorta? Lo parliamo io e qualche speaker alla tv. Nemmeno certi insegnanti di italiano parlano italiano”…

(Da La Nazione, 13/3/2008).

[addsig]




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.