Per l’Amnistia e il diritto di voto ai detenuti, l’Era alla manifestazione radicale.

Posted on in L'ERA comunica 13 vedi

Roma, 11-12-2012- Questa mattina, alle ore 12.00, l’Associazione Radicale Esperanto ha partecipato al presidio radicale organizzato in piazza del Pantheon a favore dell’amnistia e del diritto di voto ai detenuti. Alle 14.15, infatti, era prevista all’ordine del giorno del Parlamento la discussione sulla risoluzione Radicale sul diritto di voto dei detenuti, un diritto che di fatto viene esercitato solo da qualche centinaio dei detenuti cittadini italiani in attesa di giudizio o condannati in via definitiva per reati sentenziati come “non ostativi”.
La manifestazione è iniziata con un’allegra battitura di pentole, prendendo ispirazione dalla battitura alle sbarre delle celle, e con una grande scritta “Amnistia” sul cartellone di sfondo. Il presidio, infatti, nasceva proprio per denunciare la condizione in cui si trovano le nostri istituzioni giudiziarie ormai da trent’anni: “una condizione criminale rispetto alla nostra Costituzione, alla giurisdizione europea e ai diritti universali dell’uomo”, ha commentato il Segretario dell’Era, Giorgio Pagano.
E nel commento del Segretario c’è spazio anche per una battuta sul diritto di voto ai carcerati e sulla nostra classe politica: “Visto quelli che girano fuori…”




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.