“Opporsi al livellamento verso il basso”

Posted on in Politica e lingue 17 vedi

La petizione in favore dell’insegnamento dell’italiano è stata consegnata martedì alle autorità argoviesi. Diego Erba: “C’è sensibilità in favore del plurilinguismo”

“C’è una buona sensibilità nei confronti della lingua italiana. Bisogna opporsi al tentativo di livellamento verso il basso in atto in alcuni cantoni svizzero-tedeschi”. Lo ha detto Diego Erba, coordinatore del Forum per l’italiano in Svizzera ai colleghi delle Cronache della Svizzera italiana, martedì, poco prima di consegnare le 8’000 firme contro il progetto del governo argoviese di dimezzare l’offerta d’insegnamento dell’italiano nelle scuole medie cantonali.

La petizione è promossa dall’Associazione degli insegnanti di italiano ed è sostenuta tra gli altri dai Governi grigionese e ticinese.

Cosa chiede la petizione

Il piano elaborato dal consiglio di Stato argoviese prevede l’insegnamento dell’italiano soltanto in quarta media, con un risparmio di circa 250’000 franchi l’anno. La petizione “Avanti con l’italiano nel Canton Argovia!” chiede al Governo cantonale di rinunciare al taglio delle lezioni di italiano per motivi di risparmio. La lingua di Dante viene attualmente insegnata in Argovia come materia facoltativa in terza e quarta media, per un totale di 30-35 classi all’anno.

La consegna delle 8’35 firme, raccolta anche al di fuori dei confini argoviesi, alla cancelleria cantonale ad Aarau è stata accompagnata da una festa popolare con tanto di risotto offerto alla popolazione.

Fonte: info.rsi.ch




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.