Ceronetti: “ginecidio”, no “femminicidio”.

Posted on in Politica e lingue 13 vedi

Ci sarebbe altresì da chiedersi se l’omicidio dovrà chiamarsi allora maschicidio [NdR]

Care donne, abolite la parola “femminicidio”.

GUIDO CERONETTI.

IL MIO contributo alla giornata salvadonne è tardivo, ma capitale. Si tratta di eliminare l’orripilante “femminicidio”, che le abbassa a tutto ciò che, in natura, è di genere femminile, dunque zoologico, col destino comune di figliare e allattare. Ma, per noi, se non siamo bruti, “donna” significa molto di più. L’etimologia latina ne restringe il ruolo allo spazio domestico (domina); il Medioevo occidentalel ‘ha inventata (o rivelata) ideale, e su quel trono è rimasta, anche quando trattata a frustate. Sopprimiamo “femminicidio” e facciamogli subentrare da subito “ginecidio”. Non è un neologismo bellissimo, ma appartiene alla schiera dei derivati dal greco classico (“giné-gynekòs”) che suonano in italiano benissimo: gineceo, ginecologia, ginecofobia, misoginia, ginecomanía, ginandria… Non pensavo mi toccasse di proporre il termine più accettabile per una cosa tanto ripugnante. Però femminicidío va sbattuto fuori dal linguaggio, se ci sarò riuscito me ne farò un minimerito.
  Nessun pericolo viene dal misogino. Le donne non hanno niente da temere. Misogini furono Eurìpide, Schopenhauer, l’autore biblico Qohélet, Leopardi, in genere quasi tutti i poeti e i filosofi,
che mai si macchiarono di ginecidio, e delle donne, per troppo amore, per lo più furono vittime innocenti.
  Schopenhauer, in vecchiaia, in un colloquio disse: – Mah… sulle donne non ho detto l’ultima parola… – Bisognerebbe indovinarla, perché quell’anima di profondità morì prima di
averla detta. Spinoza, mani immacolate, patì il morso della gelosia per la figlia del suo maestro di latino, che gli preferì un altro allievo padre, e lui si rassegnò ad una solitudine senza
sgarro, dove lo raggiunse anche la maledizione della sinagoga, chiudendosi nella gloria di un Dio che vide ben da vicino, ma impossibile da amare, inaccessibile a qualsiasi preghiera. Il capolavoro della misoginia italiana è il trattato “Se s’abbia a prender moglie” di Giovanni Della Casa, che si limita a sconsigliare implacabilmente ai giovani celibi il matrimonio, a causa della sfrenata libidine delle mogli, ma considerala sua messa in guardia una quaestio lepidissima, e si guarda bene dal risvegliare nella vittima mascolina l’istinto ginecida.
  A più riflessione può indurre invece l’opinione di Nikola Tesla, figura delle più affascinanti, inventore della corrente alternata e profeta ispirato delle guerre future (in America è ritenuto il vero inventore della radio). Nel 1924, quasi settantenne, Tesla pensava che la più grande tragedia del nostro tempo fosse l’avvento del potere femminile, un combattimento escatologico delle donne contro l’uomo per subentrargli nel lavoro e nelle professioni, quindi capovolgendo i ruoli nella famiglia, buon motivo per lui di stare alla larga. (Avesse mai immaginato Thatcher, Golda, Indira, Hillary!). La riscossa maschile che vediamo è da specie degenerata: la coltellata, gli spari, lo stupro in branco, già in età precoce, per cura preventiva. Qui divergo dalle compunte proposte di rimedi culturali, scolastici, educativi – scappatoie per paura di applicare misure implacabilmente repressive. Una comunità senz’anima, né patriarcale né matriarcale, al bivio di Buridano, non può rispondere che debolmente a questo autentico attacco alla specie umana. Preferiamo esporre le ragazzine, piuttosto che terrificare i colpevoli.
  Caro, adorabile genio solitario di Nikola Tesla! Le sue lunghe strane mani di extraterrestre (tale fu creduto da chi lo conobbe) mai si sarebbero macchiate di un qualsiasi atto malvagio! Ma vorrei
fargli, nella sua stanza celibataria dove visse senza dimora fissa, a Waldorf Astoria, questa domanda: -C’è un diritto prestabilito fra tutte le leggi della realtà patriarcale che valga la
trasgressione di Antigone? Se ci manca (e in verità ci manca) il lamento, la cura rituale di Antigone, scenderemo davvero placati tra i morti? E se qualcosa di lei ancora ci venisse incontro nei deserti manageriali e professionali, non sarà da benedire questa usurpazione?
  Antigone, sorella di tutti i morti e di tutti i malvivi, la figlia di tutti i ciechi Edipi. La vista di una donna che singhiozza su un corpo morto, nelle grandi catastrofi naturali e nelle stragi
politiche, consola: quel morto non è solo, non è consegnato senza compianto alla Macchina Sociale, alla purificazione crematoriale. Violentare, sfregiare, uccidere una donna è
lo stesso che uccidere l’eterna legge trasgressiva d Antigone, quella dell’amore, perdutamente ed esclusivamente scritta sugli astri.
(Da La Repubblica, 27/12/2013).




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.