Nel blog della vicepresidente della Commissione Europea

Posted on in Politica e lingue 23 vedi

Scambio di lettere, nel blog del vicepresidente della Commissione

Europea, Signora Margot Wallstrom.

Indirizzo internet della relativa pagina del blog:

http://tinyurl.com/2mqpd2

Consiglio di reagire in italiano, oppure in italiano + esperanto,

secondo la strategia suggerita nella pagina internet:

http://users.telenet.be/griza_leono/Testpagxo.htm

(in particolare, ai punti: “Kion VI povas fari por Esperanto?” e “Kiel

mem rekte reagi al la rettaglibra forumo de s-ino Wallström?”)

Ciao!

Ancxjo Pac-Horano.

¿Cuándo EUTube en el resto de idiomas? ¿Por qué sólo en tres? ¿Hay

lenguas de primera?

¿Cuándo Margot responderá a las preguntas que se le hacen en otras

lenguas que también son oficiales en la Unión, y dejará de debatir

s´´olo con los eurófobos anglófonos?

Toño

Posted by Toño on July 12, 2007 at 10:59 PM CEST

Website: http://personal.telefonica.terra.es/web/tdb/ #

TOÑO HA SCRITTO:

¿Cuándo EUTube en el resto de idiomas?

RISPONDO:

Caro Toño, credo che non accadrà mai!

TOÑO HA SCRITTO:

¿Por qué sólo en tres? ¿Hay lenguas de primera?

RISPONDO:

Sicuramente!

Nell’Unione Europea c’è la lingua di prima classe, che è l’inglese,

quella di seconda, che è il francese, quella di terza, che è il tedesco,

e poi vengono le lingue degli schiavi (spagnolo, italiano, polacco,

ecc…).

Non importa quanto grandi siano le nostre culture e le nostre

letterature, caro Toño.

L’italiano ha una storia documentata che è lunga più di un millennio, ed

è il discendente più diretto della lingua della civiltà romana, ma

questo non basta a salvarla dalla schiavitù rispetto alla lingua degli

attuali padroni del mondo (Stati Uniti, Regno Unito, e gli altri paesi

anglofoni).

Cervantes e Dante sono più deboli di una portaaerei o di un missile

nucelare intercontinentale dell’esercito americano…

TOÑO HA SCRITTO:

¿Cuándo Margot responderá a las preguntas que se le hacen en otras

lenguas que también son oficiales en la Unión, y dejará de debatir

s´´olo con los eurófobos anglófonos?

RISPONDO:

Caro Toño, questa è la domanda fondamentale!

Finora Margot ha ignorato quasi completamente le domande dei non

anglofoni, e francamente il suo silenzio è assordante!

Questo sito, pagato da TUTTI i cittadini dell’UE, è strutturato in modo

da discriminare sistematicamente tutti i non anglofoni!

Il vero problema è che la stessa cosa accade in tutti gli altri siti

dell’UE, nei conocorsi per trovare lavoro all’interno delle istituzioni

europee, e così via.

Per quanto riguarda Margot, francamente sono molto stupito e deluso che

un politico donna (e che per ciò dovrebbe avere un certo tipo di

sensibilità), e per di più socialista, si comporti così come sta

facendo. Del resto non si può neppure dire che Margot, essendo

Vicepresindente della Commisione, non si possa sbilanciare esprimendo

pareri politici troppo marcati: non si può dire perché Margot, in tutti

questi mesi, ha espresso molto molto spesso pareri politici personali

molto marcati, pertanto avrebbe potuto prendere nella giusta

considerazione le lettere di coloro che, non essendo madrelingua

inglese, si lamentavano (sacrosantamente!) per la discriminazione

linguistica e politica della quale erano vittime!

Devo amaramente dire che per me Margot è stata, finora, una grossa

delusione…

Pensavo si sarebbe comportata diversamente da coloro che, godendo in

prima persona degli enormi privilegi garantiti a chi padroneggia ad un

alto livello la lingua dei dominatori, fanno di tutto per mantenere lo

status quo…

Le istituzioni europee, infatti, sono piene piene di persone mediocri,

poco competenti, poco capaci, le quali però hanno il vantaggio di

parlare l’inglese come lingua madre (oppure il privilegio, gartantito

loro dalla loro condizione sociale, di aver avuto per tutta la loro vita

un contatto continuo con la lingua inglese, che ha permesso loro di

padroneggiarla ad alti livelli). Questi burocrati e politici mediocri

hanno tutto l’interesse ad agire in modo tale che le persone più capaci

di loro (ad esempio: economisti molto più preparati) siano

impossibilitate a concorrere con loro ad armi pari: quale miglior modo,

allora, che quello di discriminare i cittadini europei in base alle loro

lingue? Ecco che, così, l’economista mediocre madrelingua inglese, che

oggi occupa un bell’ufficio a Strasburgo, non dovrtà temere la

concorrenza di un altro economista che, pur essendo molto più preparato

e intelligente, ha avuto la sfortuna di nascere a Varsavia piuttosto che

a Londra…

Essendo io un socialista, e un sincero ammiratore delle capacità delle

donne che si occupano di politica, spero davvero tanto che Margot non

sia uno di quei politici e/o burocrati che pensano soltanto a conservare

gli ingiusti privilegi, garantiti loro dall’attuale regime linguistico

europeo che, de facto, schiaccia i diritti civili e politici di tutti i

non anglofoni dell’Unione (nonostante tutte le dichiarazioni di buona

volontà della Commissione, alle quali nessuno di coloro che sono

linguisticamente discriminati crede più!).

Spero tanto che Margot non sia uno di quei politici/burocrati, ma il suo

atteggiamento fino ad oggi mi induce a temere il contrario…

Ciao, Toño!

Andrea (dall’Italia)

Posted by Andrea Fontana on July 16, 2007 at 08:06 PM CEST

Andrea Fontana

In my experience native anglophones tend to be relatively

under-represented in EU institutions and only speaking English is a

distinct disadvatage. Speaking several languages is a better way to

advance your career so you can, for example, communicate with the

numerous Italians, Spaniards and Poles in their own language. That is

more likely to get a good job for your anglophone economist.

João José Santos

Obridado! So should we have a pan-EU “referendumo” in one language…?

Posted by KarlF on July 17, 2007 at 11:17 AM CEST #

Caro KARL,

parlare soltanto inglese sarebbe un terribile svantaggio, per un

anglofono, soltanto se l’inglese fosse una lingua non imperialistica,

collocata sullo stesso piano delle altre lingue, con pari dignità e

nessuna sopraffazione.

Ma dal momento che Stati Uniti e Regno Unito investono quantità enormi

di danaro per diffondere con prepotenza la loro lingua nel resto del

mondo, e dal momento che l’economia attualmente dominante nel mondo è

quella americana (per non parlare della potenza dell’esercito a stelle e

strisce!), accade che l’inglese viene imposto a tutto il resto del

mondo, e il resto del mondo deve subire questa imposizione.

L’attuale situazione è questa, e non un’altra; e in tale situazione

essere un anglofono madrelingua è un enorme vantaggio.

L’università di Ginevra ha recentemente calcolato la quantità di denaro

che, ogni anno, passa – a causa dell’attuale dominio europeo

dell’inglese – dalle casse dei paesi europei non anglofoni alle casse

del Regno Unito: ebbene, la stima – calcolata per difetto, tenendo conto

soltanto dei flussi di denaro valutabili con buona certezza – dice che

le casse dell’ U.K. godono di entrate per un totale di 18 miliardi di

euro annui, imputabili alla semplice predominanza dell’inglese…

Oltre a ciò, per tornare all’esempio – molto importante, e oggetto di

interrogazioni parlamentari in tutta Europa – dei posti di lavoro in

seno all’Unione, è davvero ingenuo e mistificante pensare che un

italiano, un polacco o un lituano siano avvantaggiati dal fatto di

parlare diverse lingue europee oltre alla propria lingua madre… Ma

quale vantaggio? Karl!!!

Se per partecipare ad un concorso per posti di lavoro in seno all’UE

fosse richiesta la conoscenza di una o due lingue straniere OLTRE la

propria lingua madre, allora sì che l’anglofono che sa parlare solo

l’inglese sarebbe svantaggiato; ma siccome invece i bandi di concorso

dell’UE prevedono che LA LINGUA NELLA QUALE SI TENGONO I CONCORSI SIA

L’INGLESE (oppure, in alcuni casi, inglese + francese / inglese +

francese + tedesco), è assolutamente innegabile che il candidato

britannico sia straordinariamente avvantaggiato rispetto ai concorretti

greci, bulgari, romeni, italiani, spagnoli, ecc…

Tieni tra l’altro presente che fino a qualche anno fa la discriminazione

linguistica all’interno dei concorsi per posti di lavoro all’interno

dell’UE era tanto violenta, che nel bando di conocorso appariva

addirittura la richiesta: “solo madre lingua inglese”; questo fatto era

talmente contrastante con tutti i trattati europei che garantiscono (o

fingono di garantire) la parità di diritti dei cittadini europei, che

l’Unione ha dovuto abbandonare quel tipo di richiesta per i suoi bandi

di concorso (infatti, riservare i concorsi soltanto ai madre lingua

inglese, equivaleva a riservare quei posti di lavoro esclusivamente a

britannici e irlandesi, violando clamorosamente tutte le più elementari

regole di parità di diritti tra i lavoratori europei…)

Oggi la scritta “solo madre lingua inglese” non compare più, però i

concorsi si tengono obbligatoriamente in inglese (o in inglese +

francese, o in inglese + francese + tedesco…): pertanto, fino a quando

non verrà imposta la regola – democratica – per cui ciascun candidato (e

quindi anche quelli britannici) debba sostenere il concorso in una

lingua DIVERSA dalla sua lingua madre, britannici (e francofoni e

germanofoni) godranno di un vantaggio formidabile rispetto ai cittadini

europei che parlano lingue più “deboli”…

E a quanto ho detto finora si potrebbero aggiungere molte altre

considerazioni relative al problema della partecipazione democratica dei

cittadini europei alla politica dell’Unione: secondo te, caro Karl, come

può un italiano, uno sloveno, o un portoghese, sentirsi davvero

cittadino dell’Unione, se l’Unione, nonostante le tante belle parole

sull’importanza del plurilinguismo, non fa altro che PARLARLGLI IN UNA

LINGUA STRANIERA?

Ma questo sarebbe un altro discorso, un discorso che meriterebbe

un’analisi piuttosto lunga; ti vorrei solo far riflettere sul fatto che

è impossibile una qualunque parvenza di democrazia se i governanti ti

parlano in una lingua totalmente straniera (come può esserlo l’inglese

per un italiano), e ti costringono ad usarla…

Un caro saluto dall’Italia.

|

Posted by Andrea Fontana on July 17, 2007 at 10:16 PM CEST

[addsig]




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.