Nato: Seminario congiunto di due giorni a Roma tra esperti dei ministeri degli Esteri e della Difesa

Posted on in Europa e oltre 16 vedi

Nato: Seminario congiunto di due giorni a Roma tra esperti dei ministeri degli Esteri e della Difesa

Di Andrea Pira

Più difesa per l`Europa. Se ne discuterà da oggi, e per due giorni, a Roma. Il seminario congiunto dei ministeri degli Esteri e della Difesa riunirà nella capitale esperti di politiche per la sicurezza, civili e militari, in una sessione preparatoria del Consiglio europeo sulla Difesa in agenda a dicembre. Sul tavolo anche un paper elaborato dagli sherpa italiani. L`ipotesi di lavoro che sarà sottoposta agli alleati Ue e Nato parte dalla consapevolezza che una maggiore integrazione comunitaria nel settore della difesa parte dal ruolo che l`Unione può giocare nello scacchiere globale e del contributo continentale alla pace e alla sicurezza. Con in mente il Consiglio Europeo sulla Difesa in agenda a dicembre il documento che dà il nome anche al seminario di oggi e venerdì alla Farnesina, traccia la via per una maggiore integrazione. Un obiettivo si legge che mantiene come pietra di volta il rapporto tra Europa e Stati Uniti, non opposto ma complementare agli impegni Nato. Soprattutto un processo che prenda in considerazioni anche le nuove dimensioni della sicurezza che non possono escludere la tutela dei diritti umani e devono concentrarsi su nuove sfide come la sicurezza informatica ed energetica. Il documento italiano segna alcune priorità. La prima è rafforzare la sicurezza europea senza distinzione tra esterna e interna. Si sottolinea inoltre la necessità di una diplomazia capace di giocare d`anticipo e capire le vulnerabilità e i rischi prima che questi si manifestino. Il secondo punto è unamaggiore integrazione tra il civile e il militare. Un esempio in questo senso sono le attività europee nel Corno d`Africa, ancora, si legge, allo stato embrionale e dove coesistono diverse linee di comando che riflettono la mancanza di un reale piano di integrazione. Ma sono un punto di partenza. Terzo, sfruttare la fase di austerità e i tagli cui sono sottoposti i bilanci della Difesa per cogliere l` opportunità politica di una maggiore integrazione, cercando di ottimizzare l'uso delle risorse e mettere in pratica meccanismi che già ci sono, come lo European Capability Development Plan o peri Paesi europei che non fanno parte della Nato il Partnership for Peace (PfP) Planning and Review Process (PARP). Quarto punto è il rafforzamento di Forze multinazionali che ai vantaggi economici unirebbero la spinta verso una maggiore coesione politica. Il documento sottolinea anche la necessità di sviluppare un mercato comune perla difesa e dei programmi di sviluppo che vadano incontro alle nuove necessità del settore, specialmente per ovviare al calo di fondi e finanziamenti dovuti alla crisi. Il punto cruciale, si legge nelle conclusioni, è bilanciare identitànazionali e difesa comune. Tuttavia si sottolinea come l`impatto di una politica coordinata dia maggiori risultati rispetto alla mera combinazione dell`impegno dei singoli Stati membri. Servono impegno, completezza, competenza, interconnessione e cooperazione. O meglio, si legge: «Impegno per la stabilità e la sicurezza internazionale, con un approccio onnicomprensivo che sviluppi competenze in cooperazione, interconnessione con la Nato, evitando inutili duplicati». Più Europa, conclude il testo, non vuol dire fondere tutte le Forze armate in un unico esercito, ma dare un contributo collettivo.

Da Il Tempo, 14/03/2013




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.