Morte dell’italiano: Ceronetti accusa MIUR e media.

Posted on in L'ERA comunica 9 vedi

Guido Ceronetti è stato intervistato in merito satyagraha di Giorgio Pagano per salvaguardare l’italiano dall’assassinio perpetrato dal MIUR e, sul divieto di insegnare e studiare in italiano al Politecnico di Milano, il Maestro risponde “Che è una pura e semplice infamia, un’offesa alla nazione italiana – se esiste ancora – un’offesa alla cultura italiana, uno schiaffo, una vergogna, non si può pensare che il peggio.”

Mentre sul perché molti giornalisti sui media difendono la scelta la scelta linguicida e anticostituzionale così si esprime:

“Perché siamo destinati al disfacimento nazionale, ci siamo in pieno e allora non c’è coscienza, non c’è più nulla, non smuovi le coscienze su un problema così grave, ho tentato anch’io, né servono digiuni.

Il sindaco di Firenze, appena, appena diventato Presidente del Consiglio, anzi prima ancora, quando oramai era in ascesa, il sindaco di Firenze che, per quel che ne sappiamo ha dato anche i natali a qualcuno che ha operato bene per la lingua italiana, in ogni caso in modo alquanto creativo, immediatamente annunciando un piano per il lavoro, l’ha chiamato Jobs Act. Capisce a che punto siamo!

Non stupisce quindi che il policlinico, il Politecnico di Milano, commetta di queste infamie. Posso dire da perfetto impotente che è un’infamia, ecco questo sfogo c’è lasciato, ma che qualcuno raccolga, raccolga il grido disperato della lingua italiana, così sfregiata dagli stessi italofoni, eh, beh!

Poi, per quanto riguarda l’enorme quantità di stranieri che parlano appena, appena, l’italiano basico, non c’è nessuno che legga libri italiani e neanche i giornali italiani, quindi non migliorano, non progrediscono.

In Francia almeno gli stranieri diventano francofoni, ma la Francia francesizza, l’Italia no. 
Allora che fare: per quanto mi riguarda gridare nel deserto. Lo faccio per mestiere da molti anni. Finché mi resta un po’ di voce, e me ne resta poca, lo farò ancora. Tutto lì.”

L’intervista integrale andrà in onda questa notte su Radio Radicale, dopo la lettura delle prime pagine dei giornali di domani, nella rubrica Patria Europea.

 




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.