Moratoria: primo documento ufficiale di un’istituzione italiana anche in esperanto

Posted on in L'ERA comunica 9 vedi

Dichiarazione di Giorgio Pagano, Segretario associazione radicale “Esperanto”

Ottimo il fatto che la Regione Lombardia decida di assumere un ruolo decisamente attivo nell’azione internazionale per la Moratoria universale, quale “motore” per l’iniziativa italiana all’ONU e per l’Appello di “Nessuno Tocchi Caino”. Per noi ha un valore aggiunto notevole che lo faccia veicolando la Mozione anche nella Lingua Internazionale (detta Esperanto) nei confronti delle Regioni di, addirittura, 46 Paesi membri del Consiglio d’Europa. Per la prima volta, un’istituzione italiana invierà un documento ufficiale – Mozione del Consiglio con allegato Appello internazionale – all’estero tradotto anche in esperanto. Si tratta di una novità di alto valore politico, dal momento che un’istituzione, che rappresenta tutti i cittadini, si impegna a usare l’unica lingua pubblica che, nel mondo, può davvero rappresentare ciascuno e tutti, senza privilegi per alcuno, anglofoni in testa. Dunque un plauso al Consiglio regionale della Lombardia e al suo Presidente per aver compiuto un piccolo ma sostanziale passo nel cammino verso la democrazia linguistica internazionale.

Questo messaggio è stato modificato da: Arianna_Screpanti, 14 Feb 2007 – 06:50

[addsig]



0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.