Montenegro: la questione della lingua ufficiale

Posted on in Politica e lingue 4 vedi

Il Montenegro, la nazione più recente del mondo, potrebbe andare incontro ad una crisi costituzionale, poiché i suoi leader non si mettono d’accordo sul nome della lingua che parlano.

Il governo, che ha portato il Paese all’indipendenza, desidera che la lingua ufficiale si chiami montenegrino – ma una larga maggioranza degli abitanti del piccolo Stato pensa di parlare serbo.

Il Montenegro si è disgiunto dall’unione con la Serbia dopo il referendum storico di maggio 2006. Il Paese ha forti legami storici e culturali con la Serbia, che includono anche la comune religione Cristiana Ortodossa e la lingua, che differisce solo di poco nel dialetto.

Il serbo rimane la lingua ufficiale, nonostante i piani della coalizione al governo, che avrebbe intenzioni simili a quelle effettuate dalla Bosnia e dalla Croazia negli anni ’90 del secolo scorso.

Secondo un sondaggio del 2003, circa il 60 % dei 650.000 abitanti del Montenegro crede di parlare serbo; il 21% invece dice di parlare montenegrino.

Il problema è diventato cruciale dal momento che il Montenegro deve abbozzare una costituzione.
Un blocco di partiti filo-serbi, che costituisce il più forte gruppo di opposizione del parlamento montenegrino, insiste che la lingua ufficiale deve rimanere il serbo.

Podgorica ha proclamato la propria indipendenza dalla Serbia in giugno 2006, in seguito al referendum in base al quale il 55% dei votanti ha dichiarato di favorire l’indipendenza del Paese dall’unione con la Serbia, che era l’ultimo rimasuglio della ex-Jugoslavia.

19/03/2007

EUREGION.NET

[addsig]



0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.