Messico: Traduzione della Dichiarazione ONU dei diritti dei popoli indigeni

Funzionari dell'ONU hanno sottolineato l'importanza della traduzione nella lingua della popolazione maya e nàhuatl della Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei Popoli Indigeni al fine di contrastare le violazioni che questi gruppi subiscono. In occasione della presentazione del testo avvenuta il 15 dicembre, il responsabile dell'ufficio messicano delle Nazioni Unite, Alan Garcia, ha ricordato che storicamente gli indigeni di tutto il mondo hanno subito, rispetto ad altri popoli, le maggiori violazioni dei loro diritti.
Per tale ragione, il documento elaborato diventerà uno strumento importante in quanto permetterà agli indigeni di conoscere i propri diritti. Alan Garcia ha ricordato, infatti, che circa 10 milioni di persone nel mondo non conoscono i proprio diritti e per questo è più facile e più frequente che non vengano rispettati.
Nel caso degli indigeni la situazione è doppiamente grave perchè la storia di sopraffazione nei loro confronti si unisce alla non conoscenza dei diritti in quanto, fino ad oggi, non esistevano strumenti di divulgazione accessibili nelle loro lingue. In virtù di questo, le 500 mila copie della Dichiarazione delle Nazioni Unite in lingua nàhuatl ed in lingua maya costituiranno uno strumento importante per garantire la tutela dei diritti dei popoli indigeni.

[addsig]



0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.