Melting Pot

Posted on in Politica e lingue 7 vedi

Oggi, 10 ottobre 2006, sia la Repubblica che il Corriere della Sera hanno dedicato un articolo al concetto di “melting pot” che letteralmente vuol dire insalata etnica”; questo termine risale al 1782 e si riferisce, in particolar modo, alla situazione statunitense all'indomani delle massicce ondate migratorie che hanno dato vita, nel corso di decenni, ad una delle società multiculturali più eterogenee del mondo.Il “melting pot” si basava sull'ottimistica idea che la scolarizzazione di massa avrebbe permesso ad ognuno di mischiare e confondere le proprie radici con quelle degli altri, dimenticandole. L'esito pare non sia stato particolarmente positivo: le differenze etnico-culturali negate riaffiorano come disuguaglianze sociali e come processi di marginalizzazioni che alimentano nuove forme di razzismo. (a riguardo siti utili da consultare: http://www.pavonerisorse.to.it/intercultura/melting_pot.htm http://ww.tolerance.cz/courses/texts/melting/htm ).
Entrambe le testate, nei rispettivi articoli, citano Robert Putnam, uno dei più influenti scienzati politici americani e autore del testo Bowling Alone(2000), nel quale, basandosi su dati di una vasta ricerca, dimostra che gli americani non investono più tempi e sforzi nell'associarsi, ma si allontanano sempre più. Anche gli ultimi studi condotti dal politologo fanno luce sulla difficoltà delle società moderne a portare avanti con successo il processo di integrazione di razze e culture. Secondo Putnam, “le tendenze sociali possono essere costruite e ricostruite, basta non aspettarsi che siano gli altri a diventare più simili a noi ed essere invece pronti a cambiare noi stessi”. Sebbene questa proposta possa essere considerata di difficile realizzazione, il ricercatore continua a sostenere che un concreto attivismo dei governi e dei cittadini può cambiare le cose.Accettiamo, dunque, l'invito di Putnam a non chiuderci come dei ricci difronte alla diversità, per non diffondere o inasprire sentimenti di ostilità e diffidenza nei confronti di chi non è uguale o simile a noi.

Questo messaggio è stato modificato da: Paola_Graziosi, 10 Ott 2006 – 01:35 [addsig]




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.