Lucca: Ricorso respinto, vittoria dell’inglese sui diritti umani linguistici

Posted on in L'ERA comunica 21 vedi

COMUNICATO STAMPA

Lucca, Pagano (Radicali-ERA): «Ricorso respinto, vittoria dell’inglese sui diritti umani linguistici»

Dichiarazione di Giorgio Pagano – Radicali/ERA

«Il ricorso al TAR è stato respinto: è una vittoria dell’inglese sui diritti umani linguistici». Lo ha dichiarato Giorgio Pagano, Segretario dell’Associazione Radicale Esperanto.

«Avevamo presentato ricorso contro il comune di Lucca, che aveva sancito l’obbligo di conoscenza della lingua inglese per poter lavorare nel centro storico. A parer nostro, questo viola i principi comunitari sul multilinguismo e quelli della libera concorrenza, e si schiera a favore della discriminazione linguistica: il tribunale però ha respinto il ricorso, specificando che l’inglese è la lingua commerciale dominante a livello mondiale e che la conoscenza dell’inglese resta imprescindibile anche in chiave comunitaria. Noi rispettiamo la sentenza, ma non possiamo fare a meno di constatare che, ancora una volta, la democrazia linguistica viene calpestata a favore della colonizzazione anglofona, che il comune di Lucca ha deciso di perseguire con il consueto spirito di collaborazionismo delle istituzioni italiane», ha spiegato Pagano.

«Ci riserviamo comunque d’impugnare la sentenza al Consiglio di Stato, data la novità dell’argomento, riconosciuta dal TAR stesso che in virtù di ciò ha compensato integralmente le spese di lite. Riteniamo opportuno andare avanti, anche perché si avrebbe una sentenza in pregresso a favore della colonizzazione linguistica inglese. Auspichiamo, infine, che il governo, così come gli istituti di cultura italiani all’estero e quelli di difesa e promozione della lingua italiana, come la Società Dante Alighieri e l’Accademia della Crusca, nonché tutti gli italiani che hanno a cuore la sorte della propria lingua e del proprio popolo, comprendano come ormai l’obiettivo sia quello di rendere straniera la lingua italiana in Italia», ha concluso il Segretario dell’ERA.

Roma, 19 ottobre 2011




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.