L’On. Cappato al PE. Plenaria del 4 settembre 2003

Posted on in Politica e lingue 14 vedi

Resoconto integrale delle sedute

SEDUTA DI GIOVEDI' 4 SETTEMBRE 2003

Allargamento e diversità culturale (lingue regionali e meno utilizzate)

Cappato (NI). Signor Presidente, purtroppo temo che il quadro sia meno positivo di quanto molti interventi vorrebbero far credere. In Europa è in atto una distruzione della diversità linguistica. Per tagliar corto, credo che la soluzione di questo problema non stia semplicemente nel sostegno a lingue o a lingue minoritarie, perché questo non basta, non è sufficiente; credo che la soluzione stia in una parola difficile e scomoda: esperanto. Proviamo almeno! Secondo alcuni studi quella lingua, come lingua tecnica, neutra, potrebbe essere imparata e quindi politicamente scelta al posto di altre lingue. L'uso di altre lingue, che di per sè rappresentano e portano con sè una cultura, come lingue uniche o lingue ponte, sarebbe il risultato del predominio di una cultura su un'altra, che è ciò che sta accadendo oggi. L'esperanto non presenta questo problema o questo difetto. Se fosse vero – e io lo credo – che è possibile apprendere questa lingua con la facilità che molti studi internazionali dimostrano, credo che l'Unione europea dovrebbe quanto meno tentare di sperimentare anche questa via. I finanziamenti, i sostegni davanti alla logica della distruzione della diversità linguistica non sono sufficienti. < script language=Javascript> Display_Body_suffix()
< /script>

[addsig]



1 Commenti

Daniela Giglioli
Daniela Giglioli

<DIV id=RTEmultiCSSID style="POSITION:Relative; FONT-FAMILY:Arial"><P class=breadcrumbs><A href="http://www.europarl.eu.int/home/default_it.htm">Europarl</A> > <A href="http://www.europarl.eu.int/activities/default_it.htm">Attività</A> > <A href="http://www.europarl.eu.int/plenary/default_it.htm">Sedute plenarie</A> > <A href="http://www3.europarl.eu.int/omk/omnsapir.so/searchdeb?ORATEUR=yes&LANGUE=IT&LEG=L5">Resoconto integrale delle sedute/Discussioni</A></P><A name=top></A><P><IMG class=photo height=106 alt=MPphoto hspace=10 src="http://wwwdb.europarl.eu.int/ep-img/whos/leg5/4740.jpg" width=81 align=right></P><H1>Resoconto integrale delle sedute</H1><H3>SEDUTA DI GIOVEDI' 4 SETTEMBRE 2003</H3><H2>Allargamento e diversità culturale (lingue regionali e meno utilizzate)</H2><P align=left><B>Cappato (NI).</B> <B>–</B> Signor Presidente, purtroppo temo che il quadro sia meno positivo di quanto molti interventi vorrebbero far credere. In Europa è in atto una distruzione della diversità linguistica. Per tagliar corto, credo che la soluzione di questo problema non stia semplicemente nel sostegno a lingue o a lingue minoritarie, perché questo non basta, non è sufficiente; credo che la soluzione stia in una parola difficile e scomoda: esperanto. Proviamo almeno! Secondo alcuni studi quella lingua, come lingua tecnica, neutra, potrebbe essere imparata e quindi politicamente scelta al posto di altre lingue. L'uso di altre lingue, che di per sè rappresentano e portano con sè una cultura, come lingue uniche o lingue ponte, sarebbe il risultato del predominio di una cultura su un'altra, che è ciò che sta accadendo oggi. L'esperanto non presenta questo problema o questo difetto. Se fosse vero - e io lo credo - che è possibile apprendere questa lingua con la facilità che molti studi internazionali dimostrano, credo che l'Unione europea dovrebbe quanto meno tentare di sperimentare anche questa via. I finanziamenti, i sostegni davanti alla logica della distruzione della diversità linguistica non sono sufficienti. <!-- Footer -->< script language=Javascript> Display_Body_suffix()<br>< /script></P></DIV>[addsig]

You need or account to post comment.