L’Isola delle Rose, il microstato che adottò l’esperanto

Posted on in Politica e lingue 16 vedi

L’Utopia delle Rose.
L'Avvenire
27 Giugno 2009
Utopia galleggiante, controversa questione di diritto internazionale o – meno poeticamente – l’originale tentativo economico di un geniale professionista? Quale motivazione fece realmente 'sbocciare' l’Isola delle Rose, la micronazione nata nelle acque di Rimini, forse rimarrà un affascinante mistero. Si tratta comunque di una delle storie più bizzarre che la riviera (e l’Italia intera) ha vissuto, tornata d’attualità esattamente a quarant’anni dalla sua forzata scomparsa. Il merito è di Cinematica, associazione di produzione cinematografiche che ha riportato a galla l’incredibile vicenda della micronazione sull’acqua, realizzando un appassionante film documentario di un’ora, Insulo de la Rozoj – La libertà fa paura, che sarà proiettato mercoledì 1 luglio (ore 21.15) in anteprima alla Corte degli Agostiniani di Rimini. Il sogno dello «stato che fece tremare l’Italia» si era tuffato in acqua il 1 maggio 1968, data in cui l’ingegnere bolognese Giorgio Rosa (oggi ottantaquatrenne) aveva proclamato l’indipendenza dell’Isola delle Rose, nazione di 400 metri galleggianti su una piattaforma di acciaio (estendibile in orizzontale e in altezza, previsti cinque piani), da lui stesso progettata e fatta costruire (per circa 100 milioni) al largo di Rimini nord, a 6 miglia dalla costa e in acque internazionali, confine successivamente spostato a 12 miglia per evitare altre anomale «fiorture».
La micronazione diventa immediatamente un caso nazionale e internazionale, suscitando da una parte grandi timori, dall’altra speranze e sogni. Quel tratto di mare Adriatico si trasforma in un’attrazione turistica: ogni mattina turisti in barca fanno il giro della piattaforma, e acquistano i francobolli emessi dal nuovo stato. Giornali e televisioni di mezzo mondo spediscono in riviera troupe e giornalisti per indagare sulla strana creatura. Le ipotesi si accavallano: per qualcuno dietro al bizzarro progetto dell’ingegner Rosa c’è l’ombra di una potenza straniera (siamo in piena Guerra Fredda), per altri si tratta del tentativo di un magnate delle comunicazioni di avviare una tv pirata in faccia alla Rai (è il periodo delle radio libere). I due enormi ripetitori piazzati dall’ente di viale Mazzini di fronte all’Isola starebbero a testimoniarlo.
Politici e autorità sono spaventati dalla presenza di un nuovo soggetto internazionale a poche miglia dalle coste italiane, la cui vicenda – fa notare la professoressa Lucia Serena Rossi, docente di Diritto internazionale all’Università di Bologna – viene trattata in maniera differente rispetto a quanto accade negli stessi anni nel freddo Mare del Nord, al largo dell’Inghilterra, il Principato di Sealand, ancora oggi esistente. Nel Bel Paese si agita lo spettro della creazione di un casinò, con gioco d’azzardo ed entreneuses, che rischiano di far crollare la moralità già intaccata dalle turbolenze del Sessantotto. L’Isola delle Rose cavalca l’onda, forse più alta di quanto si aspettasse il suo creatore. Come lingua ufficiale adotta l’esperanto, che a Rimini ha uno sviluppato centro di matrice cattolica, e vorrebbe far sorgere sull’isola il suo centro internazionale.
Due interrogazioni parlamentari tolgono poesia alla vicenda, definita «il caso dello stato burletta nato nelle acque dell’Adriatico». Mentre l’Ambasciata Americana a Parigi scrive al nuovo stato per chiedere francobolli, le forze militari italiane (a 55 giorni dalla proclamazione d’indipendenza) proclamano l’embargo e occupano la piattaforma, insieme al 'suddito', il barista Pietro Bernardini. Arrivano gli uomini della Marina Militare che piazzano le cariche: nel febbraio 1969, le Rose appassiscono in mare. Il conto è pure salato: 14 milioni. «Amareggiato ma giovane professionista», l’ingegnere «non voleva altri guai». Gli autori del docu-film Stefano Bisulli, Vulmaro Doronzo, Giuseppe Musilli e Roberto Naccari, attraverso un minuzioso lavoro di ricerca in mezza Europa han riportato alla luce documenti e lettere inedite, rintracciando testimoni e protagonisti. Come l’imprenditore tedesco Rudy Wolfgang Neumann, nominato 'ambasciatore' dell’Isola delle Rose che ha conservato filmati, immagini, giornali.
«Ero laureato da dieci anni, ma vedevo nella professione troppa burocrazia, lentezza, carte. – prova a spiegare l’idea originale, l’ingegner Giorgio Rosa – . Così ho pensato a uno Stato autonomo, snello, un isolotto fuori dalle acque territoriali, libero da ingerenze. Semplice. L’ho fatto brevettare. Purtroppo lo Stato italiano me lo ha fatto saltare». A quarant’anni dalla distruzione, l’Isola delle Rose continua a stimolare la fantasia. Un museo di Vancouver, in Canada, nel 2008, ne ha celebrato il mito con un’installazione, mettendola in parallelo con l’isola di Utopia di Tommaso Moro. Una compagnia fiorentina sta ' attraccando' con l’Isola in teatro.
Il gruppo hip hop Efficienza Sonica ha vinto il MEI di Faenza con un brano ispirato al micro stato, al quale il fumetto Martin Mystère ha dedicato un albo. I francobolli emessi durante l’estate 1968 da L’Insulo de la rozoj fanno la fortuna degli appassionati filatelici. E gli architetti sono concordi: Dubai non ha inventato nulla, l’isola d’acciaio quarant’anni fa era già fiorita nell’Adriatico.
Paolo Guiducci
[addsig]



2 Commenti

Oltremare
Oltremare

<DIV id=RTEmultiCSSID style="POSITION:Relative; FONT-FAMILY:Arial"><DIV class=dataFirma><SPAN id=_ctl0_MasterContent_Data><SPAN id=_ctl0_MasterContent_Titolo>L’Utopia delle Rose. <BR><FONT size=1>L'Avvenire </FONT></SPAN><FONT size=1>27 Giugno 2009</FONT></SPAN> </DIV><DIV class=occhielloArticolo align=justify><SPAN id=_ctl0_MasterContent_Contenuto EditControlHeight="120">Utopia galleggiante, controversa questione di diritto internazionale o – meno poeticamente – l’originale tentativo economico di un geniale professionista? Quale motivazione fece realmente 'sbocciare' l’Isola delle Rose, la micronazione nata nelle acque di Rimini, forse rimarrà un affascinante mistero. Si tratta comunque di una delle storie più bizzarre che la riviera (e l’Italia intera) ha vissuto, tornata d’attualità esattamente a quarant’anni dalla sua forzata scomparsa. Il merito è di Cinematica, associazione di produzione cinematografiche che ha riportato a galla l’incredibile vicenda della micronazione sull’acqua, realizzando un appassionante film documentario di un’ora, Insulo de la Rozoj – La libertà fa paura, che sarà proiettato mercoledì 1 luglio (ore 21.15) in anteprima alla Corte degli Agostiniani di Rimini. Il sogno dello «stato che fece tremare l’Italia» si era tuffato in acqua il 1 maggio 1968, data in cui l’ingegnere bolognese Giorgio Rosa (oggi ottantaquatrenne) aveva proclamato l’indipendenza dell’Isola delle Rose, nazione di 400 metri galleggianti su una piattaforma di acciaio (estendibile in orizzontale e in altezza, previsti cinque piani), da lui stesso progettata e fatta costruire (per circa 100 milioni) al largo di Rimini nord, a 6 miglia dalla costa e in acque internazionali, confine successivamente spostato a 12 miglia per evitare altre anomale «fiorture». <BR>La micronazione diventa immediatamente un caso nazionale e internazionale, suscitando da una parte grandi timori, dall’altra speranze e sogni. Quel tratto di mare Adriatico si trasforma in un’attrazione turistica: ogni mattina turisti in barca fanno il giro della piattaforma, e acquistano i francobolli emessi dal nuovo stato. Giornali e televisioni di mezzo mondo spediscono in riviera troupe e giornalisti per indagare sulla strana creatura. Le ipotesi si accavallano: per qualcuno dietro al bizzarro progetto dell’ingegner Rosa c’è l’ombra di una potenza straniera (siamo in piena Guerra Fredda), per altri si tratta del tentativo di un magnate delle comunicazioni di avviare una tv pirata in faccia alla Rai (è il periodo delle radio libere). I due enormi ripetitori piazzati dall’ente di viale Mazzini di fronte all’Isola starebbero a testimoniarlo. <BR>Politici e autorità sono spaventati dalla presenza di un nuovo soggetto internazionale a poche miglia dalle coste italiane, la cui vicenda – fa notare la professoressa Lucia Serena Rossi, docente di Diritto internazionale all’Università di Bologna – viene trattata in maniera differente rispetto a quanto accade negli stessi anni nel freddo Mare del Nord, al largo dell’Inghilterra, il Principato di Sealand, ancora oggi esistente. Nel Bel Paese si agita lo spettro della creazione di un casinò, con gioco d’azzardo ed entreneuses, che rischiano di far crollare la moralità già intaccata dalle turbolenze del Sessantotto. L’Isola delle Rose cavalca l’onda, forse più alta di quanto si aspettasse il suo creatore. Come lingua ufficiale adotta l’<FONT size=+0>esperanto</FONT>, che a Rimini ha uno sviluppato centro di matrice cattolica, e vorrebbe far sorgere sull’isola il suo centro internazionale. <BR>Due interrogazioni parlamentari tolgono poesia alla vicenda, definita «il caso dello stato burletta nato nelle acque dell’Adriatico». Mentre l’Ambasciata Americana a Parigi scrive al nuovo stato per chiedere francobolli, le forze militari italiane (a 55 giorni dalla proclamazione d’indipendenza) proclamano l’embargo e occupano la piattaforma, insieme al 'suddito', il barista Pietro Bernardini. Arrivano gli uomini della Marina Militare che piazzano le cariche: nel febbraio 1969, le Rose appassiscono in mare. Il conto è pure salato: 14 milioni. «Amareggiato ma giovane professionista», l’ingegnere «non voleva altri guai». Gli autori del docu-film Stefano Bisulli, Vulmaro Doronzo, Giuseppe Musilli e Roberto Naccari, attraverso un minuzioso lavoro di ricerca in mezza Europa han riportato alla luce documenti e lettere inedite, rintracciando testimoni e protagonisti. Come l’imprenditore tedesco Rudy Wolfgang Neumann, nominato 'ambasciatore' dell’Isola delle Rose che ha conservato filmati, immagini, giornali. <BR>«Ero laureato da dieci anni, ma vedevo nella professione troppa burocrazia, lentezza, carte. – prova a spiegare l’idea originale, l’ingegner Giorgio Rosa – . Così ho pensato a uno Stato autonomo, snello, un isolotto fuori dalle acque territoriali, libero da ingerenze. Semplice. L’ho fatto brevettare. Purtroppo lo Stato italiano me lo ha fatto saltare». A quarant’anni dalla distruzione, l’Isola delle Rose continua a stimolare la fantasia. Un museo di Vancouver, in Canada, nel 2008, ne ha celebrato il mito con un’installazione, mettendola in parallelo con l’isola di Utopia di Tommaso Moro. Una compagnia fiorentina sta ' attraccando' con l’Isola in teatro. <BR>Il gruppo hip hop Efficienza Sonica ha vinto il MEI di Faenza con un brano ispirato al micro stato, al quale il fumetto Martin Mystère ha dedicato un albo. I francobolli emessi durante l’estate 1968 da L’Insulo de la rozoj fanno la fortuna degli appassionati filatelici. E gli architetti sono concordi: Dubai non ha inventato nulla, l’isola d’acciaio quarant’anni fa era già fiorita nell’Adriatico.</SPAN> </DIV><DIV class=dataFirma align=justify><SPAN id=_ctl0_MasterContent_Autore>Paolo Guiducci</SPAN> </DIV></DIV>[addsig]

E.R.A.
E.R.A.

<DIV id=RTEmultiCSSID style="POSITION:Relative; FONT-FAMILY:Arial"><DIV class=dataFirma><SPAN id=_ctl0_MasterContent_Data><SPAN id=_ctl0_MasterContent_Titolo>L’Utopia delle Rose. <BR><FONT size=1>L'Avvenire </FONT></SPAN><FONT size=1>27 Giugno 2009</FONT></SPAN> </DIV><DIV class=occhielloArticolo align=justify><SPAN id=_ctl0_MasterContent_Contenuto EditControlHeight="120">Utopia galleggiante, controversa questione di diritto internazionale o – meno poeticamente – l’originale tentativo economico di un geniale professionista? Quale motivazione fece realmente 'sbocciare' l’Isola delle Rose, la micronazione nata nelle acque di Rimini, forse rimarrà un affascinante mistero. Si tratta comunque di una delle storie più bizzarre che la riviera (e l’Italia intera) ha vissuto, tornata d’attualità esattamente a quarant’anni dalla sua forzata scomparsa. Il merito è di Cinematica, associazione di produzione cinematografiche che ha riportato a galla l’incredibile vicenda della micronazione sull’acqua, realizzando un appassionante film documentario di un’ora, Insulo de la Rozoj – La libertà fa paura, che sarà proiettato mercoledì 1 luglio (ore 21.15) in anteprima alla Corte degli Agostiniani di Rimini. Il sogno dello «stato che fece tremare l’Italia» si era tuffato in acqua il 1 maggio 1968, data in cui l’ingegnere bolognese Giorgio Rosa (oggi ottantaquatrenne) aveva proclamato l’indipendenza dell’Isola delle Rose, nazione di 400 metri galleggianti su una piattaforma di acciaio (estendibile in orizzontale e in altezza, previsti cinque piani), da lui stesso progettata e fatta costruire (per circa 100 milioni) al largo di Rimini nord, a 6 miglia dalla costa e in acque internazionali, confine successivamente spostato a 12 miglia per evitare altre anomale «fiorture». <BR>La micronazione diventa immediatamente un caso nazionale e internazionale, suscitando da una parte grandi timori, dall’altra speranze e sogni. Quel tratto di mare Adriatico si trasforma in un’attrazione turistica: ogni mattina turisti in barca fanno il giro della piattaforma, e acquistano i francobolli emessi dal nuovo stato. Giornali e televisioni di mezzo mondo spediscono in riviera troupe e giornalisti per indagare sulla strana creatura. Le ipotesi si accavallano: per qualcuno dietro al bizzarro progetto dell’ingegner Rosa c’è l’ombra di una potenza straniera (siamo in piena Guerra Fredda), per altri si tratta del tentativo di un magnate delle comunicazioni di avviare una tv pirata in faccia alla Rai (è il periodo delle radio libere). I due enormi ripetitori piazzati dall’ente di viale Mazzini di fronte all’Isola starebbero a testimoniarlo. <BR>Politici e autorità sono spaventati dalla presenza di un nuovo soggetto internazionale a poche miglia dalle coste italiane, la cui vicenda – fa notare la professoressa Lucia Serena Rossi, docente di Diritto internazionale all’Università di Bologna – viene trattata in maniera differente rispetto a quanto accade negli stessi anni nel freddo Mare del Nord, al largo dell’Inghilterra, il Principato di Sealand, ancora oggi esistente. Nel Bel Paese si agita lo spettro della creazione di un casinò, con gioco d’azzardo ed entreneuses, che rischiano di far crollare la moralità già intaccata dalle turbolenze del Sessantotto. L’Isola delle Rose cavalca l’onda, forse più alta di quanto si aspettasse il suo creatore. Come lingua ufficiale adotta l’<FONT size=+0>esperanto</FONT>, che a Rimini ha uno sviluppato centro di matrice cattolica, e vorrebbe far sorgere sull’isola il suo centro internazionale. <BR>Due interrogazioni parlamentari tolgono poesia alla vicenda, definita «il caso dello stato burletta nato nelle acque dell’Adriatico». Mentre l’Ambasciata Americana a Parigi scrive al nuovo stato per chiedere francobolli, le forze militari italiane (a 55 giorni dalla proclamazione d’indipendenza) proclamano l’embargo e occupano la piattaforma, insieme al 'suddito', il barista Pietro Bernardini. Arrivano gli uomini della Marina Militare che piazzano le cariche: nel febbraio 1969, le Rose appassiscono in mare. Il conto è pure salato: 14 milioni. «Amareggiato ma giovane professionista», l’ingegnere «non voleva altri guai». Gli autori del docu-film Stefano Bisulli, Vulmaro Doronzo, Giuseppe Musilli e Roberto Naccari, attraverso un minuzioso lavoro di ricerca in mezza Europa han riportato alla luce documenti e lettere inedite, rintracciando testimoni e protagonisti. Come l’imprenditore tedesco Rudy Wolfgang Neumann, nominato 'ambasciatore' dell’Isola delle Rose che ha conservato filmati, immagini, giornali. <BR>«Ero laureato da dieci anni, ma vedevo nella professione troppa burocrazia, lentezza, carte. – prova a spiegare l’idea originale, l’ingegner Giorgio Rosa – . Così ho pensato a uno Stato autonomo, snello, un isolotto fuori dalle acque territoriali, libero da ingerenze. Semplice. L’ho fatto brevettare. Purtroppo lo Stato italiano me lo ha fatto saltare». A quarant’anni dalla distruzione, l’Isola delle Rose continua a stimolare la fantasia. Un museo di Vancouver, in Canada, nel 2008, ne ha celebrato il mito con un’installazione, mettendola in parallelo con l’isola di Utopia di Tommaso Moro. Una compagnia fiorentina sta ' attraccando' con l’Isola in teatro. <BR>Il gruppo hip hop Efficienza Sonica ha vinto il MEI di Faenza con un brano ispirato al micro stato, al quale il fumetto Martin Mystère ha dedicato un albo. I francobolli emessi durante l’estate 1968 da L’Insulo de la rozoj fanno la fortuna degli appassionati filatelici. E gli architetti sono concordi: Dubai non ha inventato nulla, l’isola d’acciaio quarant’anni fa era già fiorita nell’Adriatico.</SPAN> </DIV><DIV class=dataFirma align=justify><SPAN id=_ctl0_MasterContent_Autore>Paolo Guiducci</SPAN> </DIV></DIV>[addsig]

You need or account to post comment.