L’irredentismo linguistico di Paolo Monelli

Posted on in Politica e lingue 15 vedi

TERZA PAGINA ELZEVIRO PAOLO MONELLI E IL DOMINIO DELLE LINGUE STRANIERE

GLI IRREDENTI DELL’ ITALIANO

Un pamphlet da riscoprire contro gli esotismi lessicali

di Luca Goldoni

La crisi aguzza la mente: ogni mattina davanti al supermarket parcheggia un ometto che apparecchia con libri usati la sua vecchia Clio (sul cofano, sul tetto, nel baule). Ed è in questa bancarella a motore che ho trovato un venerando libello patriottico-linguistico scritto da Paolo Monelli per l’editore Hoepli: Barbaro dominio. Dopo aver difeso la patria con gli alpini nella Grande guerra (memorabile il suo diario Scarpe al sole) il famoso scrittore aveva deposto le armi ma impugnato la penna, contro gli «inquinatori della patria favella»: negli anni 30 teneva sulla «Gazzetta del Popolo» la rubrica «Una parola al giorno», in cui infilzava allo spiedo un vocabolo francese o inglese e lo cucinava in salsa italiana. (Si sfogherà poi: «I critici mi danno del pedante, codino, podagroso, ma i lettori hanno sentito la novità»). Hoepli raccolse i «650 esotismi banditi dalla lingua» in un volume dal titolo ispirato a un’esortazione di Machiavelli a liberare l’Italia dalle oppressioni straniere: A ognuno puzza questo barbaro dominio. La sua lettura mi ha divertito perché ho potuto raffrontare versioni in buon italiano con forzature dettate dal verbo di regime. Comincio con le varianti riuscite: «uppercut» diviene correttamente «montante» e «partner» si rimpiazza, secondo il contesto, con coniuge, compagno, socio, collega. Il «tea» britannico diventa pretesto di una carrellata dal «cià» cinese, al «ciài» russo, al «tee» tedesco. Noi deriviamo il nostro tè dal latino «thea» e dunque siamo più che a posto. A nostra gloria si aggiunga il fatto che fu il trevigiano Gianbattista Ramusio, gran viaggiatore del ‘500, a diffondere questa bevanda in Europa. Ad alcuni «esotismi» Monelli si arrende. «Salviamo burocrazia, dal francese "bureau" (però, tre vocali per pronunciare la nostra rotonda «o»!) ma non usiamo questo vocabolo per indicare: scrivania, banco, ufficio, direzione, studio». Quanto a burocrate si può benissimo sostituire con travet, che non è francese come credono i somari, ma piemontese doc. Il francese biberon, dal latino «bibere», diventa in italiano poppatoio (che tuttavia ci sembra perdente, contro il più immediato e musicale biberon) mentre si salvano «pedicure» e «manicure» – francesi, ma con etimo latino (manus curare) – e viene accolto anche il sempre gallico «bistouri» (ma almeno togliamogli la «o»). Siamo però troppo ossequienti a «parterre» (je suis tombé par terre), mentre secondo i casi potremmo sostituire «platea» che è latino puro (platèa) e «prato». Affiora qua e là anche un «barbaro dominio» in camicia nera: lo scrittore ironico lascia il fioretto e imbraccia la spingarda, declamando che «i popoli forti impongono il loro linguaggio, non raccattano ogni foresteria con balorda premura». Ed eccoci alle traduzioni più temerarie, contro l’odiata dominazione albionica: «thrilling» viene sostituito con un «accapponante» (che fa effettivamente accapponare la pelle) mentre «meeting» (oggi, contro la sua abolizione ci sarebbe uno sciopero indetto da Cl) viene trasformato in: incontro, appuntamento, convegno, «radunata» (una scaltrezza quella «r», per non naufragare nelle «adunate» del littorio). «Spider» non gli piace e propone «due posti», per esempio (noto io) come l’Alfa del Duce e, quando affronta «tennis», gli trema la penna: suggerisce infatti «pallacorda» ma ammette che ci sarebbe una sollevazione generale. Un altro ammutinamento degli sportivi odierni si sarebbe verificato, se in luogo dell’inglese «box» (dal latino boxus, scatola), si fosse affermato l’orrendo «luogo di rifornimento» per le gare di auto. Passando all’ aviazione, sarebbe insorto anche Italo Balbo se si fossero imposti «manico» o «leva» in luogo di «cloche» e se il decollo si fosse ridotto a uno «stacco». Oggi non potremmo dire che Monelli con quelle forzature, fece una «gaffe», perché lui stesso la cancellò, sostituendola con tòpica. Con «menu» l’autore si barcamena: propone «lista», ma ammette che si può accettare l’ espressione francese («almeno mettiamo l’ accento sulla u»). Povero Monelli: fosse sopravvissuto, sarebbe inorridito alla proliferazione di menu (senza accento) su cellulari, computer e televisori. Uscito nel ’33, Barbaro dominio viene ristampato nel ‘ 42. E l’autore così conclude la nuova prefazione: «Questo è un libro di battaglia e nel rimetterlo insieme, vi ho portato la stessa decisione aggressiva con cui ho compiuto e sto compiendo il mio dovere di soldato. (Africa Settentrionale, ottobre 1942 XX)». Monelli – si può concludere – ha compiuto un’opera di «irredentismo» lessicale, a volte sobrio, a volte apologetico. Risalta una curiosa assenza: nessun accenno al vituperato «goal». Ma forse un motivo c’è: l’aveva già epurato il mitico Nicolò Carosio, il quale sconquassava le nostre radio a cinque valvole con le sue rimbombanti «Reteee!».
(Dal Corriere della Sera, 13/1/2011).




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.