Linguicidio italiano: Interpellanza al Governo sulla nazionalizzazione anglofona degli atenei italiani.

Posted on in L'ERA comunica 19 vedi

Linguicidio italiano: Interpellanza al Governo sulla nazionalizzazione anglofona degli atenei italiani.

Lo scorso 2 luglio si è concluso lo sciopero della fame in difesa della lingua italiana fatto da Giorgio Pagano – Segretario dell’Associazione Radicale Esperanto – e durato ben 50 giorni.

Giorno 11 luglio è stato presentato un atto di interpellanza alla Camera, da parte dell’onorevole Mario Borghese appartenente al gruppo misto MAIE – Movimento Associativo Italiani all’Estero – Alleanza per l’Italia (API), destinato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Nell’interpellanza si fa riferimento anche alla nota dell’Associazione Radicale Esperanto del 4 luglio 2014 in cui si denuncia come, malgrado la contraria sentenza del TAR, il Politecnico di Milano abbia, nella sola Scuola dell’ingegneria industriale e dell’informazione, abolito tutti i corsi in italiano portando, invece, quelli interamente in lingua inglese, da 8 a 31.

L’On. Borghese chiede al Governo d’affrontare la questione della ‘nazionalizzazione anglofona’ del nostro Paese con la conseguente perdita di sovranità della lingua italiana che, a sua volta, porta con sé gravi perdite economiche e in termini di pari opportunità di mercato. Inoltre, il parlamentare del MAIE, interpella il Governo circa le misure di compensazione per la discriminazione linguistica alla quale vengono sottoposti i popoli non anglofoni nell’UE, chiedendo altresì che l’italiano sia aggiunto come quarta lingua di lavoro dell’Unione europea al fine di assicurare maggior democrazia e giustizia linguistica, creando un giusto equilibrio linguistico tra il Nord e il Sud dell’Europa.

Interpellanza allegata in basso.

 

 

Interpellanza 629




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.