LEONARDO: SCOPERTO ”VOCABOLARIO PORTATILE” DIETRO A DISEGNO

Posted on in Politica e lingue 26 vedi

LEONARDO: SCOPERTO ”VOCABOLARIO PORTATILE” DIETRO A DISEGNO
LO HA SVELATO ESAME A RAGGI X CONDOTTA DAL PROFESSOR PEDRETTI

FIRENZE, 16 SET. (ADNKRONOS) – E’ STATA TROVATA UNA TESTIMONIANZA DEL ”VOCABOLARIO PORTATILE” A CUI LEONARDO DA VINCI LAVORAVA DURANTE I PRIMI ANNI DEL SUO SOGGIORNO NELLA MILANO DI LUDOVICO IL MORO, DOVE RICOPRI’ L’INCARICO DI INGEGNERE DUCALE. SI TROVA SULLA PARTE RETROSTANTE DI UN DISEGNO A PENNA ACQUARELLATO, INTITOLATO ”IL BAGNETTO”, REALIZZATO TRA IL 1482 E L’83, CUSTODITO NEL MUSEO DELLA SCUOLA DI BELLE ARTI DI OPORTO, IN PORTOGALLO, FINORA MAI ESPOSTO IN ITALIA. E’ UNA LISTA DI QUINDICI VOCABOLI APPARTENENTI ALLA COSIDDETTA LINGUA DOTTA, SCRITTI DI PUGNO DAL GRANDE ARTISTA TOSCANO E DA LUI APPUNTATI DURANTE LA LETTURA DI TESTI SCIENTIFICI E LETTERARI IN VISTA DELLA COMPOSIZIONE DEI SUOI TRATTATI.

LA SCOPERTA E’ STATA FATTA DURANTE UN COMPLESSO ESAME SCIENTIFICO, CON L’UTILIZZAZIONE DI RADIOGRAFIE, RIFLETTOGRAFIE, RAGGI INFRAROSSI E ULTRAVIOLETTI, CONDOTTO QUESTA MATTINA A FIRENZE, PRESSO IL LABORATORIO DI RESTAURO DELL’OPIFICIO DELLE PIETRE DURE, DOVE IL DISEGNO E’ TRANSITATO PRIMA DI RAGGIUNGERE CAMAIORE, IN VERSILIA, DOVE DA DOMENICA 20 SETTEMBRE AL 10 GENNAIO SARA’ PRESENTATO ALLA MOSTRA ”LEONARDO E LA PULZELLA DI CAMAIORE”. PER RAGIONI DI SICUREZZA E’ STATO DECISO DI NON STACCARE IL DISEGNO DAL CARTONE SUL QUALE E’ INCOLLATO DALLA FINE DEL XVI SECOLO. L’ESAME E’ STATO CONDOTTO DA TRE DEI MAGGIORI STUDIOSI DI LEONARDO: IL PROFESSOR CARLO PEDRETTI, DIRETTORE DELL’HAMMER CENTER DELL’UNIVERSITA’ DI CALIFORNIA, IL PROFESSOR ALESSANDRO VEZZOSI, DIRETTORE DEL MUSEO IDEALE DI VINCI, IL SOPRINTENDENTE GIORGIO BONSANTI, DIRETTORE DELL’OPIFICIO.

UNA SCOPERTA DI CIRCA TRENT’ANNI FA AVEVA PERMESSO DI ACCERTARE, TRA I LIBRI POSSEDUTI DAL GENIO RINASCIMENTALE, ANCHE L’ESISTENZA DEL ”LIBRO DEI MIEI VOCABOLI”, DI CUI PERO’ NON E’ MAI STATA TROVATA TRACCIA. PER PEDRETTI, E’ PLAUSIBILE IPOTIZZARE CHE IL MANOSCRITTO CHE ERA NASCOSTO DALLA CORNICE DEL DISEGNO PORTOGHESE FOSSE UNA PARTE DI QUEL VOCABOLARIO CHE STAVA COMPONENDO PER SUO USO E CONSUMO.

LA LISTA APPUNTATA DA LEONARDO, DIFFICILMENTE LEGGIBILE SENZA L’AIUTO DEI MODERNI STRUMENTI TECNOLOGICI, COMPRENDE SETTE PAROLE CHE COMINCIANO PER ”A”, DUE PER ”F”, TRE PER ”P” E TRE PER ”T”. TRA I VOCABOLI CHE NON APPARTENEVANO ALLA SUA CULTURA DI GIOVANE FIORENTINO, POCO PIU’ CHE TRENTENNE, LEONARDO ATTRIBUIVA ALLA LINGUA DEI DOTTI ”AFFABILE”, ”ASSUNTO”, ”ARMONIA”, ”ANTEPOSTO”, ”ATTONITO”, ”TREMIBONDO”, ”TACITO”, ”TACITAMENTE”. PEDRETTI E VEZZOSI CERCHERANNO ORA DI CAPIRE SE LA LISTA NASCONDA UN MESSAGGIO CIFRATO, VISTO CHE I VOCABOLI SEMBRANO AVERE UN QUALCHE COLLEGAMENTO FRA LORO.

ULTERIORI ESAMI E RICERCHE, CHE PEDRETTI E VEZZOSI COMPIRANNO NELLE PROSSIME SETTIMANE, DOVRANNO ACCERTARE, INOLTRE, SE IL DISEGNO ”IL BAGNETTO”, CON LE SCRITTE AUTOGRAFE SULLA PARTE RETROSTANTE, SIA UNO DEGLI UNDICI FOGLI MANCANTI DEL CODICE TRIVULZIANO CHE SI CONSERVA AL CASTELLO SFORZESCO DI MILANO. PER PEDRETTI QUELLA LISTA DI 15 VOCABOLI POTREBBE FAR PARTE, INFATTI, AL LUNGO ELENCO LESSICALE ANNOTATO SUL CODICE DA LEONARDO SENZA UN ORDINE PRECISO.

16-SET-98




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.