«Le parole valgono» è, da oggi, la campagna lanciata dalla Treccani in favore della lingua italiana.

Posted on in Politica e lingue 8 vedi

Da Bocelli a Totti i testimonial Treccani per la lingua italiana.

di Paolo Conti.

L e parole valgono. Hanno un peso, un senso e una ragione. Per non parlare della bellezza. Infatti «Le parole valgono» è, da oggi, la campagna lanciata dall’Enciclopedia Italiana Treccani con uno spot su Sky e sul sito www.treccani.it (e si andrà avanti anche su Facebook e su Twitter). Un ragazzo declama la sua richiesta di perdono sotto la finestra della fidanzata. Ma sbaglia le parole, lei non capisce, prova a correggerlo. Con questo gioco la Treccani ha proposto a molti personaggi famosi di indicare la parola che per loro «vale», ha un peso nella loro vita. Per Francesco Totti è «famiglia» («perché è la cosa più Importante»), per Andrea Bocelli è «pace» («perché senza pace non c`è gioia»), per Cristiana Capotondi è «umiltà» («non aver mai paura di mettersi in discussione»), per Luciana Littizzetto è «resilienza», per Goran Bregovic è «guerra», per Stefano Dlonísi è «silenzio», per Samantha Cristoforetti è «fiducia», per Antonio Ricci è «buttarsi», per Alice Rohrwacher è «meraviglia». Si attendono altre adesioni illustri, tra cui quella di Giorgio Napolitano. Per Massimo Bray, direttore generale dell’Enciclopedia Italiana ed ex ministro dei Beni culturali, la parola è naturalmente «libro». E in quanto alla campagna ricorda che «la Treccani si è sempre prefissa il compito non solo di preservare e tutelare la lingua come strumento identitario ma anche di registrarne le continue variazioni, gli adattamenti alla contemporaneità, gli sviluppi, come ci insegnò e ci indicò il nostro Bruno Migliorini». L’italiano è amato dagli italiani? «Sì, perché è una lingua ricca di sfumature, che ci identifica, ci aiuta a riconoscere noi stessi e la storia del Paese». Le parole valgono, non c’è dubbio. Anche perché ci aiutano ad esprimerci bene. Come ci raccontano i due fidanzativi dello spot.
(Dal Corriere della Sera, 4/10/2015).

{donate}

 

 




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.