La questione della comunicazione e del diritto alla lingua

Posted on in Politica e lingue 28 vedi

La questione della Comunicazione e del diritto alla lingua

Cominciamo qui con un paradosso: la lingua (di comunicazione) che si va affermando oggi nella Comunita’ europea e lo fara’ domani nell’Unione europea e’ proprio quella del paese che e’ piu’ lontano dagli ideali federalisti europei: l’inglese.

Continuiamo con una aberrazione: i costi degli attuali sistemi di comunicazione nella Ce: nove lingue ufficiali (72 direzioni di traduzione). Un costo annuo complessivo di 700000000 di ECU, pari a 800 milioni di dollari circa. Domani, con l’ingresso previsto di alcuni paesi dell’ EFTA, le lingue saranno 12. Saranno 16 con l’ingresso dei Paesi di Visegrad (Polonia, Boemia-Moravia, Slovacchia ed Ungheria), all’incirca 25 con gli altri paesi dell’Europa Centrale. Una quarantina se l’allargamento dovesse estendersi ai paesi d’Europa Orientale o piu’ ancora se consideriamo il numero totale del continente europeo: 72 censite.

Un paradosso ed una aberrazione che, con ogni probabilita’, fanno venir meno il diritto alla lingua, un diritto fondamentale. Un problema quindi di democrazia che non puo’ piu’ essere accantonato, specialmente nel momento in cui viene individuata la poca democraticita’ dell’edificio comunitario ed i rischi che sin d’ora questa assenza fa correre alla vita democratica stessa del continente europeo.

Da “Note e documenti” per la seconda sessione del 36esimo congresso del Partito Radicale, seconda parte, a cura di Olivier Dupuis.

[addsig]




3 Commenti

Daniela Giglioli
Daniela Giglioli

La questione della Comunicazione e del diritto alla lingua<br /><br />
<br /><br />
Cominciamo qui con un paradosso: la lingua (di comunicazione) che si va affermando oggi nella Comunita’ europea e lo fara’ domani nell’Unione europea e’ proprio quella del paese che e’ piu’ lontano dagli ideali federalisti europei: l’inglese.<br /><br />
Continuiamo con una aberrazione: i costi degli attuali sistemi di comunicazione nella Ce: nove lingue ufficiali (72 direzioni di traduzione). Un costo annuo complessivo di 700000000 di ECU, pari a 800 milioni di dollari circa. Domani, con l’ingresso previsto di alcuni paesi dell’ EFTA, le lingue saranno 12. Saranno 16 con l’ingresso dei Paesi di Visegrad (Polonia, Boemia-Moravia, Slovacchia ed Ungheria), all’incirca 25 con gli altri paesi dell’Europa Centrale. Una quarantina se l’allargamento dovesse estendersi ai paesi d’Europa Orientale o piu’ ancora se consideriamo il numero totale del continente europeo: 72 censite.<br /><br />
Un paradosso ed una aberrazione che, con ogni probabilita’, fanno venir meno il diritto alla lingua, un diritto fondamentale. Un problema quindi di democrazia che non puo’ piu’ essere accantonato, specialmente nel momento in cui viene individuata la poca democraticita’ dell’edificio comunitario ed i rischi che sin d’ora questa assenza fa correre alla vita democratica stessa del continente europeo. <br /><br />
Da “Note e documenti” per la seconda sessione del 36esimo congresso del Partito Radicale, seconda parte, a cura di Olivier Dupuis. <br /><br />
[addsig]

Daniela Giglioli
Daniela Giglioli

La questione della Comunicazione e del diritto alla lingua<br /><br />
<br /><br />
Cominciamo qui con un paradosso: la lingua (di comunicazione) che si va affermando oggi nella Comunita’ europea e lo fara’ domani nell’Unione europea e’ proprio quella del paese che e’ piu’ lontano dagli ideali federalisti europei: l’inglese.<br /><br />
Continuiamo con una aberrazione: i costi degli attuali sistemi di comunicazione nella Ce: nove lingue ufficiali (72 direzioni di traduzione). Un costo annuo complessivo di 700000000 di ECU, pari a 800 milioni di dollari circa. Domani, con l’ingresso previsto di alcuni paesi dell’ EFTA, le lingue saranno 12. Saranno 16 con l’ingresso dei Paesi di Visegrad (Polonia, Boemia-Moravia, Slovacchia ed Ungheria), all’incirca 25 con gli altri paesi dell’Europa Centrale. Una quarantina se l’allargamento dovesse estendersi ai paesi d’Europa Orientale o piu’ ancora se consideriamo il numero totale del continente europeo: 72 censite.<br /><br />
Un paradosso ed una aberrazione che, con ogni probabilita’, fanno venir meno il diritto alla lingua, un diritto fondamentale. Un problema quindi di democrazia che non puo’ piu’ essere accantonato, specialmente nel momento in cui viene individuata la poca democraticita’ dell’edificio comunitario ed i rischi che sin d’ora questa assenza fa correre alla vita democratica stessa del continente europeo. <br /><br />
Da “Note e documenti” per la seconda sessione del 36esimo congresso del Partito Radicale, seconda parte, a cura di Olivier Dupuis. <br /><br />
[addsig]

Daniela Giglioli
Daniela Giglioli

La questione della Comunicazione e del diritto alla lingua<br /><br />
<br /><br />
Cominciamo qui con un paradosso: la lingua (di comunicazione) che si va affermando oggi nella Comunita’ europea e lo fara’ domani nell’Unione europea e’ proprio quella del paese che e’ piu’ lontano dagli ideali federalisti europei: l’inglese.<br /><br />
Continuiamo con una aberrazione: i costi degli attuali sistemi di comunicazione nella Ce: nove lingue ufficiali (72 direzioni di traduzione). Un costo annuo complessivo di 700000000 di ECU, pari a 800 milioni di dollari circa. Domani, con l’ingresso previsto di alcuni paesi dell’ EFTA, le lingue saranno 12. Saranno 16 con l’ingresso dei Paesi di Visegrad (Polonia, Boemia-Moravia, Slovacchia ed Ungheria), all’incirca 25 con gli altri paesi dell’Europa Centrale. Una quarantina se l’allargamento dovesse estendersi ai paesi d’Europa Orientale o piu’ ancora se consideriamo il numero totale del continente europeo: 72 censite.<br /><br />
Un paradosso ed una aberrazione che, con ogni probabilita’, fanno venir meno il diritto alla lingua, un diritto fondamentale. Un problema quindi di democrazia che non puo’ piu’ essere accantonato, specialmente nel momento in cui viene individuata la poca democraticita’ dell’edificio comunitario ed i rischi che sin d’ora questa assenza fa correre alla vita democratica stessa del continente europeo. <br /><br />
Da “Note e documenti” per la seconda sessione del 36esimo congresso del Partito Radicale, seconda parte, a cura di Olivier Dupuis. <br /><br />
[addsig]

You need or account to post comment.