La misteriosa neolingua del “dosadì”.

Posted on in Politica e lingue 15 vedi

La misteriosa neolingua del “dosadì”.

“Se dosadì Berlusconi, jo Vi dírek: `Queen e` la porta”`. Uno legge il tweet di Alberto Zangrillo, medico del Cav., per giunta nel giorno della resa dei conti Fitto-Toti in Forza Italia, e subito si domanda se quel “dosadí” e quel “dírek” non siano per caso esercizi di esperanto, la lingua neutra fondata nell’Ottocento da un oftalmologo polacco (ma riciclata da un’associazione pannelliana in lotta contro la “dittatura linguistica dell`inglese”).
E mentre qualche non-nativo digitale studia la frase come fosse un rompicapo per
esperti di Roman Jakobson e della teoria della comunicazione, l’utente medio (nativo?)
ha già capito tutto, complice l’abitudine al dispositivo “smart” (vedi le volte che
vuoi scrivere su WhatsApp “sa” ma ti esce per automatismo “sto arrivando”) e agli
effetti nefasti dell’opponibilità del pollice (pollice che si piega per digitare messaggi,
con errori a volte imbarazzanti, motivo per cui i non-nativi digitano con l’indice).
E insomma piovono subito tweet che traducono Zangrillo mentre Zangrillo, come
dirà poi al Foglio, è ancora al lavoro in ospedale: “Se io fossi Berlusconi, vi direi:
Quella è la porta”. E se il dottore del Cav., prima di autocorreggersi con un altro
tweet, dava la colpa “al correttore automatico”, il linguista Tullio De Mauro, poi
interpellato, dubita (“ma questo casomai è un correttore turco!”) e ci vede, piuttosto,
“parole da ubriaco”. Nella lingua “si formano dei cliché”, dice il glottologo e
linguista Lucio D’Arcangelo, “e alla fine, anche se la frase è scorretta, riusciamo a
interpretare”. Ma già qualcuno medita di adottare, nei prossimi tweet, il meraviglioso
neologismo “dosadí”. (marrizz)
(Da Il Foglio, 25/11/2014).

 




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.