La Merkel fiduciosa 2012 ancora duro, ma ne usciremo più forti

Posted on in Europa e oltre 5 vedi

La Merkel fiduciosa "2012 ancora duro, ma ne usciremo più forti"

Il salvataggio dell`euro sul fronte internazionale, politiche per la famiglia e la salute su quello interno. Questi i tre punti-chiave del discorso di Capodanno della cancelliera tedesca, trasmesso
in contemporanea da Ard e Zdf, le due reti pubbliche tedesche.
Giacca color bronzo, in piedi dietro un piccolo podio con il Reichstag come sfondo, Angela Merkel ha attaccato con un sorriso rassicurante: «La Germania sta bene. E sta bene grazie all`impegno di tutti voi, cittadini tedeschi. Ci sono buoni motivi per essere fiduciosi». Le spine, comunque, sono tante: «L`anno prossimo sarà senza dubbio più difficile del 2011. La strada per superare la crisi del debito resta lunga e non sarà senza contraccolpi. Alla fine però la Germania ne uscirà più forte di prima». L`euro non verrà messo in discussione: «So che molti di voi si chiedono quanto sia sicura la nostra moneta comune. Sappiate che verrà fatto il possibile per salvarla e rafforzarla. Sappiate però anche che ci riusciremo solo se tutti in Europa collaboreranno più strettamente. In questi dieci anni l`euro ha reso più semplice la nostra vita quotidiana, più forte l`economia, e ci ha salvati dalla crisi del 2008». L`Europa, ha aggiunto, si trova nella sua prova più difficile da decenni, ma è proprio in momenti come questo che il suo ruolo diventa più chiaro: «L`Unione pacifica ci ha portato mezzo secolo di pace, libertà, giustizia, diritti dell`uomo e democrazia. Di fronte alle attuali turbolenze, questi valori sono particolarmente importanti».
Per i nuovi progetti sociali politiche per facilitare la vita di bambini, malati, anziani – la Merkel ha detto di avere aperto consultazioni con cento esperti dei vari settori e ha invitato tutti i cittadini a mandare suggerimenti via Internet.
Il successo del Paese passa anche di lì.

di MARINA VERNA, CORRISPONDENTE DA BERLINO
la Stampa, pag.9
02/01/2012




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.