La lingua Taliàn.

Posted on in Politica e lingue 40 vedi

Brasile, ora il «Taliàn» è diventato una lingua.

di LUCIA CAPUZZI

Nel 1905, il gesuita Padro Arrupe non aveva ancora coniato il
termine “inculturazione” per indicare la trasmissione della fede in armonia con un
determinato contesto culturale. Il frate Alberto Vitor Stawinski della
zona di Caixas do Sul, nel sud del Brasile, non sapeva, dunque, che la sua azione pastorale sarebbe
stata definita in tal modo. Né immaginava che quel miscuglio di dialetti “cucito insieme” per
poter far intendere la Buona Notizia alle ondate di migranti sbarcati
sulle coste brasiliane, diventasse un giorno una vera e propria lingua.
Così è nato il «Taliàn», il primo idioma minoritario, tra le circa duecento diffuse nel Gigante latinoamericano, ad essere riconosciuto, da ieri, come «Patrimonio culturale immateriale» della nazione.
Sono passati poco più di cento anni da quando veneti e friulani sostituirono polacchi e tedeschi
sui bastimenti diretti al Brasile meridionale. Una zona temperata, nelle cui enormi aziende agricole
i nuovi arrivati furono impiegati come braccianti. La maggior parte era gente umile, con poca
istruzione e dimestichezza sia con la lingua dello Stato di provenienza – un italiano all’epoca astratto come l’unità nazionale che voleva rappresentare – sia con quella della patria d’accoglienza.
«Tutti, però, parlavano il dialetto del proprio paesino», notò fra Stawinski e da questo partì per
creare una sorta di idioma-franco, comprensibile ai migranti. Una sintesi di vicentino, trevigiano, padovano e bellunese, integrato con un’aggiunta di termini lusitani.
Pochi in realtà questi ultimi: qualche centinaio sul totale di 6.800 lemmi contenuti nella prima
grammatica di Taliàn coniata dal religioso. Il risultato fu subito accolto con entusiasmo anche da
polacchi e tedeschi che lo preferirono al portoghese americanizzato del Brasile. Semplicità e radicamento culturale hanno consentito al Taliàn di affermarsi negli anni negli Stati di Rio Grande
do Sul, Paranà e Santa Catarina. E di restare una “lingua viva” parlata nella vita quotidiana ma anche in scuole e università.
E dotata di una vasta produzione letteraria: sono duecento le pubblicazioni. I programmi radiofonici
e televisivi in Taliàn sono seguiti anche dai giovani che, nell`utilizzarla, la arricchiscono di nuovi
termini brasiliani. Riuscendo ora a conquistare anche Brasilia che ha voluto inaugurare con il
Taliàn una nuova politica di tutela e riconoscimento delle lingue minoritarie.
(Da Avvenire, 19/11/2014).

 




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.