La lingua della televisione

Posted on in Politica e lingue 7 vedi

La lingua nel video

di Letizia Cini

Lingua e piccolo schermo, crolla un clichè. Chi l’ha detto che dalla tv si impara solo a non usare il congiuntivo? Senza tornare al bianco e nero di “Non è mai troppo tardi”- Corso di istruzione popolare per il recupero dell’adulto analfabeta, recitava il sottotitolo – oggi alle 16 Rai Storia propone “Koinè- La lingua italiana come non l’hai mai vista”, programma di Alberto Puoti in collaborazione con l’Accademia della Crusca.
Al timone un rodatissimo Giovanni Minoli navigherà le acque di “L’ha detto la Tv”, ovvero i segreti del linguaggio del piccolo schermo svelati attraverso tormentoni e tic linguistici dei protagonisti. Al suo fianco, la prima donna presidente dell’Accademia della Crusca, Nicoletta Maraschio, e i linguisti Tullio De Mauro, Gianluigi Beccaria, Francesco Sabatini, Michele Loporcaro, Ilaria Bonomi, Gabriella Alfieri, Giuseppe Antonelli. Fra le chicche, lo zoom sulla “Fenomenologia linguistica” di conduttori come Mike Buongiorno e Paolo Bonolis, con tanto di analisi dei quiz. E non ci sarebbe bisogno di scomodare la prestigiosa istituzione fiorentina, per intuire la quantità di aneddoti lanciati nel corso degli anni via tubo catodico su cui fare il punto. Dal domandone, Minoli punta poi sulla dissezione scientifica delle fiction e degli sceneggiati, per concludere nelle paludose acque dell’attendibilità linguistica delle serie più popolari.
Chissà se l’Odissea recitata da Ungaretti oggi verrebbe catalogato fra le fiction.
(Da La Nazione, 3/7/2011).




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.