La Crusca ai giornalisti: “Bandire parole inglesi inutili.

Posted on in Politica e lingue 26 vedi

Cultura.

Crusca: “Bandire parole inglesi inutili Taggare? Verbo italiano”.

“E’ inutile prendersela con gli anglicismi che sono già entrati da tempo nell’uso scritto e parlato dell’italiano, perché sarebbe una battaglia inutile, una battaglia contro i mulini a vento. Un altro discorso va fatto, invece, per le parole inglesi recenti e che ancora hanno un uso ristretto e provvisorio. In questo caso sarebbe meglio evitare ogni anglicismo inutile e sostituirlo con un’adeguata parola italiana esistente”. Lo ha affermato il professore Luca Serianni, ordinario di storia della lingua italiana all’università ‘La Sapienza’ di Roma, socio dell’Accademia della Crusca e dell’Accademia dei Lincei e vicepresidente della Società Dante Alighieri, nel corso di una lezione riservata ai giornalisti nella sede dell’Accademia della Crusca a Firenze.
Serianni ha inviato gli oltre cento giornalisti presenti nella sede della secolare istituzione chiamata a custodire la purezza dell’italiano a “un uso controllato” delle parole straniere, facendone ricorso il meno possibile, anche “per dimostrare un attaccamento alla propria lingua”.
“E’ dovere del giornalista – ha spiegato l’insigne linguista – scrivere con chiarezza e trasparenza e talvolta il ricorso a parole straniere settoriali non aiuta a raggiungere questi obiettivi”.
Riguardo alla necessità di contrastare il profluvio di parole inglese che invade sempre più spesso i mezzi di comunicazione, l’accademico della Crusca ha detto: “Laddove l’anglicismo non si è ancora affermato, sarebbe meglio non usarlo e adoperare il sostituto italiano”.
Circa l’uso di verbi come “taggare”, che hanno una radice inglese, il professore Luca Serianni ha ricordato: “Va considerato un verbo italiano a tutti gli effetti, come ad esempio filmare, che pure ha un’origine in un termine inglese, ma che ormai usiamo tranquillamente sentendolo appartenere alla nostra lingua a pieno diritto. Ci sono degli anglicismi perfettamente adattati che non danno fastidio”.
(Da liberoquotidiano.it, 21/9/2015).

{donate}

 

 

 




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.