LA BRETAGNA NON E’ PIU MOLTO GRAN

Posted on in Europa e oltre 5 vedi

LA BRETAGNA NON E' PIU MOLTO GRAN

Era considerato il Paese faro della politica, dell'eonomia e detlo sport tanto che nel `96 gli americani leoni decretarono la supremazia di Londra. Ma oggi non domina più , anzi ci guarda con un po' di invidia.

Lo scandalo Murdoch è l`ultimo episodio di una lunga serie di fallimenti dell`Inghilterra. Cioè del Paese da molti considerato un faro dell`informazione, della politica, dell`economia, dello sport. Ne è passato del tempo da quando il settimanale americano «Newsweek» raccontò con una storica copertina le «London Rules», ovvero le regole con cui Londra dettava legge nel mondo in ogni campo. Era il 4 novembre 1996, c`era Tony Blair e una nuova stagione alle porte per un vecchio Paese da sempre potente, ma che allora sembrava diventa- re nuovamente il centro del pianeta. Tredici anni dopo di quell`Inghilterra e di quella Gran Bretagna non c`è traccia, tanto che lo stesso giornalista che all`epoca raccontò la Cool Britannia, oggi racconta la sua decadenza. E invece in Europa cresce l`Italia, la nostra Italia sem- pre troppo bistrattata anche da noi italiani. Ecco, il G8 le ha dato nuovo prestigio internazionale e lo stesso vale per il modello Marchionne che ha fatto della Fiat un attore dell`economia mondiale. Ma la nostra crescita c`è ovunque e fa arrossire proprio gli inglesi `

LONDRA NON COMANDA
Così scriveva Stryker McGuire su «Newsweek» nel`96 Londra è un compromesso fra la novità continua di Los Angeles e la bellezza algida di Parigi, affilate al rasoio di New York Londra è la città più entusiasmante dei pianeta Londra, la sua realtà, succede perché Londra è ricca – i Così scrive Stryker McGuire sull`«Observer» nel 2009 Visto che ho partecipato alla creazione dei fenomeno della Cool Britannia, oggi devo presiedere alla sua sepoltura Oggi è tutto diverso. L`ottimismo e qualcosa che appartiene al passato Londra, il grande motore della prosperità britannica, oggi sembra un`ancora pesante oeatveaout Tracollo di Brown, in crisi il modello LabourIl governo laburista di Brown attraversa una crisi senza precedenti. Fin dall`inizio è stata un`amministrazione tormentata ma soprattutto alle recenti elezioni amministrative il Labour ha subito una terribile batosta. Tanto che molti pensavano il premier si dimettesse. Un altro duro colpo è stata la vicenda dei rimborsi spese gonfiati dai parlamentari britannici la City fa crac e falliscono anche le banche L`economia britannica è stata una delle più colpite dal crac: le banche inglesi hanno subito pesantemente l`effetto della crisi dei mutui subrime e il governo ha dovuto intervenire in diversi casi per salvare gli istituti di credito sull`orlo del fallimento. Inoltre la sterlina ha visto crollare il suo valore nei confronti dell`euro ai minimi storici Nessun grande marchio è più inglese La crisi maggiore è quella del settore automobilistico: in pratica la Gran Bretagna ha perso tutti i suoi marchi storici, a partire dalla Rolls Royce fino alla Rovere alla Mini Cooper. Simboli della grandezza e del glamour d`Oltremanica, queste leggendarie case automobilistiche sono passate nelle mani dei produttori stranieri II Paese più violento di tutta Europa In Gran Bretagna si è verificata una vera e propria escalation di episodi di criminalità: secondo una classifica recente, pubblicata dal »Daily Mail», il Regno Unito è il Paese più vio- lento d`Europa. Ma è peggio anche di Sudafrica e Stati Uniti. La situazione è peggiorata soprattutto a causa delle bande giovanili, al centro di numerosi episodi di accoltellamento Scandalo dopo scandalo, una credibilità minata È stata sempre considerata un esempio di correttezza, professionalità e obiettività. Ma negli ultimi tempi la stampa britannica ha perso colpi: prima i finti scoop del »Times» sulla vicenda di Noemi, poi la polemica anti italiana del »Guardiana in occasione del G8. Infine, la vicenda delle intercettazioni che ha travolto il «News of the World», tabloid del gruppo di Murdoch Le sartorie di Savile Row? Ridotte a un bazarL`Inghilterra è sempre stata considerata sinonimo di creazioni sartoriali e calzaturiere di particolare eleganza ed esclusività. Ma, negli ultimi anni, la mitica Savile Row, la strada lon- dinese dei sarti d`élite, si è trasformata in un bazar ben poco elegante. E anche le storiche calzature Church sono «emigrate», comprate da un marchio italiano E gli inventori puntato tutto su un italiano Il calcio d`Oltremanica è considerato uno dei più brillanti del momento. Squadre ricche, con tanti grandi campioni, sempre competitive a livello internazionale. Ma i giocatori più famosi sono soprattutto stranieri, e la nazionale inglese naviga da anni in pessime acque. Tanto che, per tentare di rimediare, si sono affidati al miracoloso Fabio Capello: un italiano Neanche la sterlina low cost attira i turisti La grande attrazione turistica della Gran Bretagna è la capitale, Londra. Ma, nonostante il crollo della sterlina, non si èverificato un vero boom di visitatori nella città del Big Ben. In- somma l`Inghilterra, più che meta turistica, è «esportatrice» di turisti all`estero: soprattutto nel nostro Paese, di cui gli inglesi sono da sempre innamorati Dopo il G8, cresce l`autorevolezza dell`ItaliaIn Italia non solo il governo è stabile, ma alle ultime elezioni, sia europee sia amministrative, i partiti della maggioranza hanno ottenuto un larghissimo consenso da parte della popolazione. Niente a che vedere con i guai attraversati dal Labour, specialmente per quanto riguarda la leadership del partito Lo Stato non ha dovuto salvare alcun istituto L`Italia è uno dei Paesi che sta riuscendo più di altri ad affrontare la crisi economica: ha reagito più in fretta e meglio rispetto ad altre nazioni occidentali. In particolare il sistemaban- cario ha retto bene all`impatto della crisi dei mutui: in pratica, nessun istituto bancario ha dovuto ricorrere all`aiuto del governo per essere salvato Modello Marchionne, la Fiat vince nei mondo L`industria italianavive un momento di particolare ribalta mondiale grazie al settore automobilistico. Il nostro Paese oggi è in prima linea grazie agli accordi realizzati da Fiat con il colosso americano Chrysler e il riconoscimento pubblico ottenuto dai manager italiani da parte del presidente americano La linea dura paga, i delitti sono in calo I dati sulla criminalità in Italia sono in costante diminuzione negli ultimi anni, specialmente per quanto riguardai delitti. Tutto il contrario di quanto avviene in Inghilterra. E benché il problema delle gang di minorenni sia in aumento anche nel nostro Paese, non c`è assolutamente paragone con gli episodi gravi e ripetuti avvenuti in Gran Bretagna di recente E noi, almeno, non siamo travolti dagli scandali L`Italia dell`informazione viene sempre messa in discussione. Dai mezzi d`informazione italiana soprattutto. Lo scandalo che travolge il sistema dei mediabritannici rivaluta il nostro Paese e la sua stampa, molto meno avvezza ai mezzucci. Anche il recente superamento dei ricavi da parte di Sky su Mediaset dimostra che non c`è il monopolio dell`informazione, come qualcuno vuol far credere Il «made in Italy» è il più ricercato nel mondoIl nostro Paese è sempre più sinonimo di moda e lusso: il made in Italy è conosciuto, amato e ricercato in tutto il mondo come garanzia di qualità e di esclusività. Come nel ritornello di un vecchio spot, “basta laparola». I marchi italiani sono sempre più diventati protagonisti anche nel segmento dell`alta moda e nel settore degli accessori Dal fango al cielo: siamo campioni dei mondo Il calcio italiano ha subito molte critiche negli ultimi mesi ed è stato accusato di non essere più competitivo a livello internazionale e di essere sempre meno spettacolare anche per quanto riguarda il campionato. Ma la squadra dell`Italia è quella dei campioni del mondo e i giocatori italiani sono ricercati e contesi a livello internazionale La nazione più amata (anche dai britannici) L`Italia è da sempre uno dei Paesi più amati dai turisti di tutto il mondo. Perfino in periodo di crisi, il nostro Paese non smette di attirare visitatori dalle altre nazioni. E anche gli in- glesi amano moltissimo la penisola: tanto da aver quasi «conquistato» alcunezone, ribattezzate Chiantishire o Trullishire proprio per la passione speciale dei britannici.

Il Giornale, 13 luglio 2009

Questo messaggio è stato modificato da: annarita, 12 Lug 2009 – 23:34 [addsig]




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.