ITALIANO: LO STATO DISPERDE ESPERIENZA E RISULTATI POSITIVI

Posted on in Politica e lingue 6 vedi

FORMAZIONE LINGUA E CULTURA ITALIANA NEL MONDO – SVIZZERA -NESTI(COORD.FOPRAS):"STATO ITALIANO DISPERDE ESPERIENZA E RISULTATI POSITIVI DELLA GESTIONE MISTA. 2010: -11% NUMERO CORSI"

(2010-07-28)

"Il Coordinamento enti gestori segue con apprensione e preoccupazione il dibattito sulla manovra finanziaria che la Camera dei Deputati si appresta ad approvare in maniera definitiva entro al fine di questo mese. Gli enti gestori non possono non esprimere disappunto e disapprovazione per una manovra che ancora una volta penalizzerà gli italiani all’estero e in modo particolare il settore scolastico". Lo afferma in una nota Roger Nesti del Coordinamento Enti Gestori Iniziative Scolastiche in Svizzera.

Nesti sottolinea "A poche settimane dall’inizio del nuovo anno scolastico, in Svizzera l’attività didattica riprenderà quasi ovunque tra la seconda e la terza settimana di agosto, si addensano quindi le nubi sui corsi di lingua e cultura italiana.

Dopo i tagli dello scorso anno, gli enti gestori subiranno di fatto un ulteriore taglio del 30% rispetto al contributo complessivo erogato lo scorso anno, sommando ordinario e integrativo. Apprendiamo infatti con allarme dal Sottosegretario On. Mantica che l’assestamento di bilancio 2010 non consentirà, a differenza del 2009, l’erogazione di contributi integrativi. A questa circostanza deve aggiungersi il pessimo tasso di cambio tra EURO e franco svizzero che ha già determinato una riduzione aggiuntiva in valuta locale di circa l’8%. Come se non bastasse la manovra finanziaria prevede tagli lineari sui capitoli MAE del 10% per il prossimo anno. Tutti gli emendamenti presentati dai parlamentari eletti all’estero per porre rimedio a questa situazione sono stati purtroppo bocciati.

In un quadro siffatto sarà sempre più difficile mantenere l’attuale numero dei corsi, già ridotto dell’11% rispetto all’anno scolastico 2008/2009, e il livello qualitativo degli stessi, disperdendo l’esperienza e i tanti risultati positivi ottenuti nell’ultimo decennio dal sistema a “gestione mista” (stato-enti). Purtroppo, uno dei due partner, lo Stato italiano, ha apparentemente deciso di abbandonare questa proficua forma collaborazione. Ma quello che è peggio: lo fa senza avere un’alternativa o una strategia di promozione della lingua italiana all’estero."(28/07/2010-ITL/ITNET)




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.