INTERNET E IL VANTAGGIO ANGLOSASSONE

Posted on in Politica e lingue 32 vedi

Salve a tutti, sono nuovo del forum, a volte ascolto le puntate di democrazia linguistica su radio radicale che seguo spesso.

comunque, volevo parlare di internet e del grave handicap di chi non sa usarlo soprattutto a causa delle terminologia informatica completamente in inglese che svantaggia doppiamente chi non sa usare il web. soprattutto gli anziani.

Prima però vorrei fare una piccola presentazione.

Devo dire che sin dall’inizio ero un pò scettico a proposito dell’esperanto, diciamo che sono sempre stato un amante dell’inglese e delle lingue in generale, dato che sono portato ad impararle facilmente.

Tuttavia col tempo c’è stato fra ma e la lingua inglese uno scollamento, diciamo non tanto con la lingua in se ma piuttosto con la prepotenza con cui ci viene “imposta”, si imposta.

complici noi, che ci facciamo convincere che l’inglese è la lingua più facile del mondo, che “dobbiamo” imparare l’inglese, tutto questo ad unico vantaggio del popolo anglosassone, popolo che a parte la prepotenza impositiva della loro lingua, mi è sempre interessato.

Ma questo non mi fa cambiare l’opinione che dobbiamo riprenderci i nostri spazi linguistici. e non lo dice un nazionalista, anzi per me il concetto di nazione è quanto di più limintante ci possa essere. Sarò un idealista ma spero che un giorno avremo un europa federata, i famosi “stati uniti d’europa” (troviamo un altro termine però, senza scopiazzare dagli USA ).

col tempo comunque ho cominciato ad trovare interessante l’idea dell’esperanto che reputo utilissimo per la comunicazione tra i popoli senza favorire nessuno anche se non bellissima da parlare (mio personale parere) ma tantè. l’esperanto rimane l’unica speranza per preservare gli idiomi locali e facilitare la comunicazione, soprattutto a livello europeo.

Tornando all’informatica, sento il bisogno di fare una vera e propria battaglia per l’esperantizzazione dell’informatica, ma non so da dove cominciare.

comunque non mi arrendo, soprattutto da quanto l’uso del computer è diventato indispensabile, il mio primo pensiaro è subito andato agli anziani e a chi trova difficoltoso imparare ad usare il pc, se ci mettiamo che l’informatica usa terminologia sempre più prepotentemente in inglese, è facile capire l’handicap e il divario che c’è non solo tra gli anziani e i giovani ma anche fra lavoratori che sanno usare il pc e quelli che non lo sanno usare, e in questo caso l’inglese gli complica ancora di più le cose.

Sento che è mio dovere fare questa battaglia, in un mondo sempre più informatizzato e globale è necessario un linguaggio informatico altrettanto globale e imparziale.

Con impazienza attendo commenti e critiche.

P.S.

Ad ogni modo dato che è importante sapere le lingue

che siano lingue che imparo perchè voglio e non perchè devo.

[addsig]




1 Commenti

alonsopatonzo
alonsopatonzo

Salve a tutti, sono nuovo del forum, a volte ascolto le puntate di democrazia linguistica su radio radicale che seguo spesso.<br /><br />
<br /><br />
comunque, volevo parlare di internet e del grave handicap di chi non sa usarlo soprattutto a causa delle terminologia informatica completamente in inglese che svantaggia doppiamente chi non sa usare il web. soprattutto gli anziani.<br /><br />
<br /><br />
Prima però vorrei fare una piccola presentazione.<br /><br />
<br /><br />
Devo dire che sin dall'inizio ero un pò scettico a proposito dell'esperanto, diciamo che sono sempre stato un amante dell'inglese e delle lingue in generale, dato che sono portato ad impararle facilmente.<br /><br />
<br /><br />
Tuttavia col tempo c'è stato fra ma e la lingua inglese uno scollamento, diciamo non tanto con la lingua in se ma piuttosto con la prepotenza con cui ci viene "imposta", si imposta.<br /><br />
<br /><br />
complici noi, che ci facciamo convincere che l'inglese è la lingua più facile del mondo, che "dobbiamo" imparare l'inglese, tutto questo ad unico vantaggio del popolo anglosassone, popolo che a parte la prepotenza impositiva della loro lingua, mi è sempre interessato.<br /><br />
<br /><br />
Ma questo non mi fa cambiare l'opinione che dobbiamo riprenderci i nostri spazi linguistici. e non lo dice un nazionalista, anzi per me il concetto di nazione è quanto di più limintante ci possa essere. Sarò un idealista ma spero che un giorno avremo un europa federata, i famosi "stati uniti d'europa" (troviamo un altro termine però, senza scopiazzare dagli USA <IMG SRC="modules/Arena_Forum/images/smiles/icon_smile.gif"> ).<br /><br />
<br /><br />
col tempo comunque ho cominciato ad trovare interessante l'idea dell'esperanto che reputo utilissimo per la comunicazione tra i popoli senza favorire nessuno anche se non bellissima da parlare (mio personale parere) ma tantè. l'esperanto rimane l'unica speranza per preservare gli idiomi locali e facilitare la comunicazione, soprattutto a livello europeo.<br /><br />
<br /><br />
Tornando all'informatica, sento il bisogno di fare una vera e propria battaglia per l'esperantizzazione dell'informatica, ma non so da dove cominciare.<br /><br />
<br /><br />
comunque non mi arrendo, soprattutto da quanto l'uso del computer è diventato indispensabile, il mio primo pensiaro è subito andato agli anziani e a chi trova difficoltoso imparare ad usare il pc, se ci mettiamo che l'informatica usa terminologia sempre più prepotentemente in inglese, è facile capire l'handicap e il divario che c'è non solo tra gli anziani e i giovani ma anche fra lavoratori che sanno usare il pc e quelli che non lo sanno usare, e in questo caso l'inglese gli complica ancora di più le cose.<br /><br />
<br /><br />
Sento che è mio dovere fare questa battaglia, in un mondo sempre più informatizzato e globale è necessario un linguaggio informatico altrettanto globale e imparziale.<br /><br />
<br /><br />
Con impazienza attendo commenti e critiche.<br /><br />
<br /><br />
P.S. <br /><br />
Ad ogni modo dato che è importante sapere le lingue <br /><br />
che siano lingue che imparo perchè voglio e non perchè devo.<br /><br />
<br /><br />
[addsig]

You need or account to post comment.