Insegne

Posted on in Politica e lingue 8 vedi

Il caso

Nei ristoranti e negozi di Milano dilagano le insegne made in England

Addio osteria, ora è di moda il wine bar

Il caso. Dilagano scritte e locandine made in England. Così l’happy hour raccoglie l’eredità della Milano da bere. Quando lo spuntino diventa brunch. Ristoranti e negozi, addio alle insegne in italiano e alle atmosfere meneghine. Al posto dei trani, spuntati sull’onda dell’immigrazione dal Sud, arrivano sempre più spesso i wine bar

di Carlo Lovati

Milano made in England. Altro che il made in Italy. Con tutte quelle scritte che occhieggiano dalle vetrine di negozi e compagnie. Che giorno dopo giorno l’italiano sembra sparire dalle nostre strade. Che va benissimo la globalizzazione e però forse si sta esagerando un filo. Così provinciali. Addirittura ridotti a piccola colonia del grande Impero Britannico. Il dialetto meneghino morto e sepolto più di una volta. La lingua di Dante sempre più ignorata e poco importa che le letture della Divina Commedia siano sempre più seguite. L’inglese che puntualmente bombarda il nostro quotidiano. Eccola, la Milano made in England. Quella dei coming soon e dei next opening e dei soon opening. Perché non sarebbe di certo alla moda scrivere un banale prossima apertura. Già, non sarebbe proprio fashion e nemmeno glamour. Come sarebbe quasi offensiva un’insegna con la scritta spaccio. Perché oggi tutto è outlet e ben oltre il reale significato della parola. E sarebbe così banale, promuovere un’iniziativa commerciale senza un pizzico di inglese. Vedi quelle due vetrine dello stesso esercizio: una con la scritta man e l’altra con la scritta woman. Che non ci voleva un genio, al di là dell’unisex. Vedi quel feel the new collection, quello stagionale spring collection, quel selettivo ultimate sunglass selection. Per arrivare a quel nuovo idioma forse modaiolo apparso su un cartello in una grande arteria commerciale: il più grande fashion store 1.000 mq con 24 corners di moda firmata, nuovo reparto outlet inexpensive fashion uomo-donna. Per non parlare poi dei bar e dei ristoranti. Con i loro richiami e le loro locandine ormai totalmente anglofoni. Dimenticando forse che nel mondo sono le nostre cantine e le nostre cucine a godere di ottima fama. Non certo quelle dei sudditi della regina Elisabetta o di quei ciccioni degli americani. Dopo il fast food e lo slow food, è arrivata in pompa magna la stagione dell’happy hour che ha raccolto l’eredità della Milano da bere. E piano piano sta cominciando ad avere successo anche la moda del brunch che è un po’ breakfast e un po’ lunch. Sì, insomma, la domenica ci si alza tardi e si mangia un qualcosa che è un po’ prima colazione e un po’ pranzo. Ma vuoi mettere il brunch! Quanto alle vecchie care osterie di una volta, quanto ai trani spuntati sull’onda dell’immigrazione dal sud, ecco che il loro posto viene preso sempre più frequentemente da wine bar che avranno di sicuro bottiglie prestigiose, ma forse non avranno mai quell’atmosfera che regalava il vino della casa. Il quartino, il mezzolitro. E che dire del bus a due piazze che coloratissimo gira per le bellezze della città con il suo carico di turisti? Basta un’occhiata sulla fiancata, per capire l’andazzo. A caratteri cubitali, ecco quel groviglio di lettere ovviamente all’inglese che fa City Sightseeing Una volta tanto, sacrosanto. Visto la maggioranza straniera dei fruitori del servizio. Ma perché non scrivere, magari in piccolo, anche un semplice giro turistico? Giusto per rispettare un po’ la nostra lingua. Che poi vuole dire rispettare la nostra cultura, la nostra storia, la nostra tradizione.

(Dal Corriere della Sera, 26/4/2008).

[addsig]




1 Commenti

Daniela Giglioli
Daniela Giglioli

Il caso <br /><br />
<br /><br />
Nei ristoranti e negozi di Milano dilagano le insegne made in England<br /><br />
<br /><br />
Addio osteria, ora è di moda il wine bar<br /><br />
<br /><br />
Il caso. Dilagano scritte e locandine made in England. Così l'happy hour raccoglie l'eredità della Milano da bere. Quando lo spuntino diventa brunch. Ristoranti e negozi, addio alle insegne in italiano e alle atmosfere meneghine. Al posto dei trani, spuntati sull'onda dell'immigrazione dal Sud, arrivano sempre più spesso i wine bar<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
di Carlo Lovati<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
Milano made in England. Altro che il made in Italy. Con tutte quelle scritte che occhieggiano dalle vetrine di negozi e compagnie. Che giorno dopo giorno l'italiano sembra sparire dalle nostre strade. Che va benissimo la globalizzazione e però forse si sta esagerando un filo. Così provinciali. Addirittura ridotti a piccola colonia del grande Impero Britannico. Il dialetto meneghino morto e sepolto più di una volta. La lingua di Dante sempre più ignorata e poco importa che le letture della Divina Commedia siano sempre più seguite. L'inglese che puntualmente bombarda il nostro quotidiano. Eccola, la Milano made in England. Quella dei coming soon e dei next opening e dei soon opening. Perché non sarebbe di certo alla moda scrivere un banale prossima apertura. Già, non sarebbe proprio fashion e nemmeno glamour. Come sarebbe quasi offensiva un'insegna con la scritta spaccio. Perché oggi tutto è outlet e ben oltre il reale significato della parola. E sarebbe così banale, promuovere un'iniziativa commerciale senza un pizzico di inglese. Vedi quelle due vetrine dello stesso esercizio: una con la scritta man e l'altra con la scritta woman. Che non ci voleva un genio, al di là dell'unisex. Vedi quel feel the new collection, quello stagionale spring collection, quel selettivo ultimate sunglass selection. Per arrivare a quel nuovo idioma forse modaiolo apparso su un cartello in una grande arteria commerciale: il più grande fashion store 1.000 mq con 24 corners di moda firmata, nuovo reparto outlet inexpensive fashion uomo-donna. Per non parlare poi dei bar e dei ristoranti. Con i loro richiami e le loro locandine ormai totalmente anglofoni. Dimenticando forse che nel mondo sono le nostre cantine e le nostre cucine a godere di ottima fama. Non certo quelle dei sudditi della regina Elisabetta o di quei ciccioni degli americani. Dopo il fast food e lo slow food, è arrivata in pompa magna la stagione dell'happy hour che ha raccolto l'eredità della Milano da bere. E piano piano sta cominciando ad avere successo anche la moda del brunch che è un po' breakfast e un po' lunch. Sì, insomma, la domenica ci si alza tardi e si mangia un qualcosa che è un po' prima colazione e un po' pranzo. Ma vuoi mettere il brunch! Quanto alle vecchie care osterie di una volta, quanto ai trani spuntati sull'onda dell'immigrazione dal sud, ecco che il loro posto viene preso sempre più frequentemente da wine bar che avranno di sicuro bottiglie prestigiose, ma forse non avranno mai quell'atmosfera che regalava il vino della casa. Il quartino, il mezzolitro. E che dire del bus a due piazze che coloratissimo gira per le bellezze della città con il suo carico di turisti? Basta un'occhiata sulla fiancata, per capire l'andazzo. A caratteri cubitali, ecco quel groviglio di lettere ovviamente all'inglese che fa City Sightseeing Una volta tanto, sacrosanto. Visto la maggioranza straniera dei fruitori del servizio. Ma perché non scrivere, magari in piccolo, anche un semplice giro turistico? Giusto per rispettare un po' la nostra lingua. Che poi vuole dire rispettare la nostra cultura, la nostra storia, la nostra tradizione. <br /><br />
(Dal Corriere della Sera, 26/4/2008).<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
[addsig]

You need or account to post comment.