Incontro tra il Sottosegretario Gozi e una Delegazione del Partito Radicale

Posted on in L'ERA comunica 36 vedi

Nella sede del Dipartimento per le Politiche Europee in Largo Chigi 19 si è svolto, il 4 maggio, il secondo incontro in merito alle problematiche di economia linguistica e di diritti umani linguistici presenti nell’Unione Europea, tra il Sottosegretario Sandro Gozi e una delegazione del Partito radicale composta dall’On. Marco Beltrandi, Giorgio Pagano e Monia Chimienti.
Nella riunione sono state richiamate le questioni sollevate precedentemente, a partire dalla richiesta a Bruxelles di compensazioni economiche ed amministrative  rispetto alla discriminazione linguistica che subiscono gli italiani per l’imposizione del trilinguismo anglo-franco-tedesco.
L’On. Gozi ha detto che, subito dopo l’incontro di novembre, è stato sollevato il punto, a partire dalla dimensione linguistica per arrivare alla dimensione economica, con una lettera a Timmermans, e poi con la Georgieva, Commissaria al Bilancio; con inoltre una nota scritta presentata dal Ministro Gentiloni, l’ultima del marzo 2015. La questione è comunque stata aperta, ha ribadito il Sottosegretario, e continueremo a farla presente.
A proposito del Ministro Gentiloni, che i Radicali hanno spesso apprezzato, in merito agli obiettivi Post-2015 delle Nazioni Unite, i Radicali hanno informato il Sottosegretario della iniziativa del Partito Radicale, di presentazione alle Nazioni Unite di un intervento dall’eloquente titolo “Obiettivo n. 0 per lo sviluppo sostenibile: Una lingua comune della specie umana”  e della necessità che anche la Delegazione italiana presso le Nazioni Unite sostenesse l’iniziativa mentre, in ambito strettamente europeo, hanno prospettato la tesi che, dopo la linea del rigore, fosse giunto il momento di rilanciare il processo federalista europeo e la prospettiva spinelliana degli Stati Uniti d’Europa, con una Europa protagonista e non comparsa del processo di globalizzazione in atto da tempo, e di farlo rilanciandolo con un Convegno marcatamente politico sull’urgenza della lingua federale europea ed internazionale.
Il Sottosegretario Gozi ha confermato il proprio sostegno sia dell’iniziativa alle Nazioni Unite presso il Ministro Gentiloni che del Convegno politico sulla lingua federale europea, anche se di federalismo, in Europa, non si ha una gran voglia di parlare e si hanno difficoltà a trovare alleati.




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.